Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:AREZZO19°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 13 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video della violenta grandinata che si è abbattuta su Milano: i chicchi danneggiano le carrozzerie delle auto
Il video della violenta grandinata che si è abbattuta su Milano: i chicchi danneggiano le carrozzerie delle auto

Attualità martedì 21 giugno 2022 ore 13:45

Export aretino, crescita dell'8% in soli tre mesi

Nel primo trimestre del 2022 pari a 2,6 miliardi di euro. A trainare le esportazioni l'oro. Cresce l'agricoltura. Battuta d'arresto per la moda



AREZZO — Le esportazioni della provincia di Arezzo, sulla base dei dati provvisori pubblicati dall’ISTAT, si sono attestate nel primo trimestre del 2022 a più di 2,6 miliardi di euro con una crescita rispetto allo stesso periodo del 2021 dell’8,3%.

Esportazioni delle province toscane – 1° trimestre 2022

2021 2022 Var. %
Arezzo 2.432.939.777 2.635.721.562 8,3%
Firenze 4.187.586.136 4.422.711.540 5,6%
Grosseto 84.484.640 102.925.307 21,8%
Livorno 536.519.499 533.140.610 -0,6%
Lucca 840.505.665 1.280.011.300 52,3%
Massa-Carrara 603.859.182 367.581.610 -39,1%
Pisa 745.173.806 939.489.460 26,1%
Pistoia 397.208.043 490.130.675 23,4%
Prato 528.860.591 747.593.457 41,4%
Siena 668.206.054 802.760.189 20,1%
Toscana 11.025.343.393 12.322.065.710 11,8%

“L’export aretino anche nel periodo gennaio-marzo 2022 fa segnare un risultato positivo - commenta Massimo Guasconi Presidente della Camera di Commercio di Arezzo-Siena e di Unioncamere Toscana - con una crescita però inferiore rispetto al risultato medio regionale (+11,8%). Il nostro export provinciale si conferma comunque, con il 21,4% sul totale regionale, il secondo in Toscana preceduto solo da quello della provincia di Firenze (35,9%). 

Ancora una volta sono i metalli preziosi, la principale voce dell'export aretino, ad influenzare fortemente l'andamento complessivo: nel primo quarto del 2022 le esportazioni si sono attestate a poco meno di 1,2 miliardi di euro, in flessione del 2,7% rispetto al 2021. Il prezzo dell'oro, con una crescita del 12,3% nelle quotazioni in euro, ha contribuito a limitare la flessione in valore che, in costanza di prezzo sarebbe stata quindi ben più importante. Purtroppo il quadro congiunturale di queste ultime settimane, rispetto al primo trimestre dell’anno, si è particolarmente aggravato con il perdurare della guerra in Ucraina che ha già portato con sé gravi ricadute sull’andamento dell’economia e del commercio mondiale ad iniziare da una crescita dei prezzi energetici e delle materie prime, peraltro iniziata ben prima del conflitto. 

A questo si accompagna un rallentamento dell’economia cinese, causato dai lockdown di alcune settimane fa e dalle politiche restrittive intervenute in un settore immobiliare nazionale in difficoltà, rallentamento che provocherà ripercussioni su tutte le economie asiatiche e sui principali paesi esportatori di merci e quindi anche sull’Italia. Senza considerare inoltre che le tensioni geopolitiche che si stanno delineando tra paesi occidentali e Russia, con un massiccio uso delle sanzioni, potrebbero modificare addirittura il sistema di regole internazionali che hanno governato le relazioni economiche a partire dalla fine del secondo conflitto mondiale.”

“Si conferma anche per questo trimestre l’inversa correlazione esistente tra l’andamento delle esportazioni dell’oreficeria e quelle dei metalli preziosi. – sottolinea il Segretario Generale della Camera di Commercio di Arezzo-Siena Marco Randellini - Il comparto “gemello” della gioielleria e oreficeria ha registrato infatti un andamento di segno contrario rispetto ai metalli preziosi con le vendite all’estero che sono infatti aumentate del 31% attestandosi a oltre 730 milioni di euro. Anche gli altri due distretti orafi nazionali mostrano segnali di ripresa, più evidente in quello vicentino (+38,4%) che in quello di Valenza (+8,5%). A livello nazionale il comparto della gioielleria apre il 2022 con un incremento delle vendite all’estero del + 29%. 

I principali mercati di riferimento dell’export orafo aretino, rispetto al 2021, sono tutti in crescita escluso quello più importante, gli Emirati Arabi Uniti, che fanno registrare una lieve contrazione del -2%. Il mercato statunitense fa registrare un +26,6%, quello turco un + 47,2 %, quello francese un +44,6%. Prosegue anche il recupero di Hong Kong che comunque, come si evince anche dai dati nazionali e da quelli di altri settori produttivi, ha perduto l’esclusività di hub finanziario e commerciale della Cina e dell’Asia.”

Esportazioni Gioielleria – 1° trimestre 2022 (valori espressi in euro)

AREZZO 2021 2022 Var.% ALESSANDRIA 2021 2022 Var.%
Emirati Arabi U. 160.727.485 157.438.691 -2,0% Irlanda 118.285.124 129.586.068 9,6%
Stati Uniti 72.216.963 91.400.319 26,6% Francia 33.399.875 54.469.178 63,1%
Turchia 59.491.070 87.557.009 47,2% Svizzera 33.870.614 39.728.304 17,3%
Francia 39.352.973 56.892.626 44,6% Stati Uniti 29.359.804 26.487.716 -9,8%
Hong Kong 45.683.781 51.453.034 12,6% Hong Kong 66.329.504 25.006.683 -62,3%
Sud Africa 25.008.465 37.389.429 49,5% Corea del Sud 6.864.267 10.837.170 57,9%
Rep. dominicana 22.446.356 30.896.493 37,6% Regno Unito 1.722.679 9.946.109 477,4%
Algeria 200.125 26.545.178 13164,3% Germania 2.170.745 6.852.279 215,7%
Panama 14.624.794 24.509.445 67,6% Giappone 3.931.987 6.491.058 65,1%
Spagna 12.563.802 21.325.808 69,7% Emirati Arabi U. 4.056.199 6.389.323 57,5%
MONDO 557.930.273 731.310.330 31,1% MONDO 341.625.396 370.620.893 8,5%
VICENZA 2021 2022 Var.% ITALIA 2021 2022 Var.%
Stati Uniti 93.229.618 120.181.670 28,9% Stati Uniti 263.290.969 324.836.050 23,4%
Emirati Arabi U. 43.328.359 64.618.919 49,1% Svizzera 205.668.200 256.355.553 24,6%
Sud Africa 28.406.431 36.818.381 29,6% Emirati Arabi U. 216.249.959 238.324.825 10,2%
Hong Kong 19.700.074 26.681.475 35,4% Francia 110.734.028 163.368.127 47,5%
Malaysia 20.534.111 22.986.146 11,9% Irlanda 119.379.377 132.676.485 11,1%
Romania 20.421.388 21.273.665 4,2% Hong Kong 159.383.899 127.358.501 -20,1%
Francia 12.220.806 16.835.847 37,8% Turchia 76.965.527 110.993.197 44,2%
Messico 8.196.353 16.008.155 95,3% Sud Africa 67.820.552 91.298.154 34,6%
Turchia 9.097.895 14.436.733 58,7% Germania 26.882.172 52.263.372 94,4%
Regno Unito 8.372.251 14.130.799 68,8% Rep. dominicana 22.467.827 42.731.095 90,2%
MONDO 353.952.604 489.914.717 38,4% MONDO 1.659.130.870 2.139.902.712 29,0%

“Fra le altre tipologie merceologiche - prosegue Marco Randellini – risultano in crescita agricoltura (+105,4%), bevande (+13,5%), legno e prodotti in legno (+85,8%), prodotti chimici (+21,3%), prodotti farmaceutici (+209,1%), articoli in gomma e materie plastiche (+12,1%), prodotti in metallo (+15,2%), elettronica ed elettromedicale (+59,6%), apparecchiature elettriche (+41,6%), macchinari (+14,7%), autoveicoli e mezzi di trasporto (+24,8%) e mobili (+80,2%). 

In flessione i prodotti alimentari (-5,6%), gli altri prodotti della lavorazione dei minerali non metalliferi (-31,7%) e i prodotti dell’attività di trattamento rifiuti (-29,6%) e il terzo pilastro del nostro export, la moda. 

Il comparto della moda nel primo trimestre del 2022 presenta una sensibile battuta di arresto che interessa un po’ tutte le specializzazioni produttive, dall’abbigliamento (-22,9%), alla pelletteria (-41%) e alle calzature (-15%). Solo il tessile è in crescita (+82,1%), ma purtroppo rappresenta solo una piccola fetta dell’export di settore. L’andamento provinciale risulta però in contro tendenza rispetto ad un settore che, nei primi tre mesi dell’anno, ha fatto registrare a livello nazionale una crescita superiore alle due cifre. E’ possibile che il nostro settore moda provinciale sia, come già evidenziato in altre occasioni, maggiormente interessato alla fase di trasformazione che stanno avendo i canali di distribuzione della moda anche se al momento non sono fortunatamente presenti segnali di contrazione occupazionale”.

Esportazioni provincia di Arezzo – 1° trimestre 2022 (valori espressi in euro)

1° trim. 2021 1° trim. 2022 Var.% 2021-2022
Agricoltura 1.857.247 3.814.053 105,4%
Manifatturiero 2.370.449.269 2.585.645.129 9,1%
Prodotti alimentari 34.407.524 32.469.718 -5,6%
Bevande 18.243.217 20.711.202 13,5%
Prodotti tessili 5.532.851 10.074.292 82,1%
Abbigliamento 89.492.175 69.036.009 -22,9%
Articoli in pelle 66.297.214 39.097.638 -41,0%
Calzature 37.581.325 31.950.490 -15,0%
MODA 198.903.565 150.158.429 -24,5%
Legno e prodotti in legno 1.852.322 3.441.562 85,8%
Prodotti chimici 117.567.941 142.589.894 21,3%
Prodotti farmaceutici 6.098.345 18.851.866 209,1%
Articoli in gomma e materie plastiche 3.825.972 4.290.004 12,1%
Altri prodotti lav.ne minerali non metalliferi 4.371.533 2.985.073 -31,7%
Metalli preziosi 1.209.199.576 1.176.199.634 -2,7%
Prodotti in metallo, esclusi macchinari 14.207.888 16.364.729 15,2%
Computer, prodotti elettronica e elettromed. 29.704.777 47.421.218 59,6%
Apparecchiature elettriche 84.269.026 119.346.279 41,6%
Macchinari 39.654.894 45.484.035 14,7%
Autoveicoli, rimorchi e altri mezzi trasporto 16.052.234 20.037.983 24,8%
Mobili 12.693.951 22.874.744 80,2%
Gioielleria, bigiotteria 557.930.273 731.310.330 31,1%
Prodotti attività trattamento rifiuti 47.242.704 33.246.495 -29,6%
Totale merci 2.432.939.777 2.635.721.562 8,3%
Totale netto oreficeria e metalli preziosi 665.809.928 728.211.598 9,4%

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno