Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:AREZZO10°15°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 28 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sardegna, Arianna Meloni: «Hanno perso tutti, non Giorgia»

Attualità lunedì 09 agosto 2021 ore 14:30

Hospice attivato all'Istituto di Agazzi

Per i prossimi due anni saranno disponibili posti per 8 pazienti nei locali al piano terra del centro di riabilitazione Arìa per la Asl Toscana Sud-Est



AREZZO — Dopo una querelle lunga mesi, l'Hospice ha trovato finalmente una 'casa', anche se al momento si parla solo dei prossimi due anni. A partire da oggi infatti, nei locali dell’Istituto di Agazzi 'Madre della Divina Provvidenza' dei Padri Passionisti ed in collaborazione con la Asl Toscana Sud-est, è operativo il nuovo centro residenziale di cure palliative. Ha trovato sede nei locali al piano terra del centro di riabilitazione Arìa dell’Istituto di Agazzi, che sono stati ritenuti funzionali e attrezzati per garantire la qualità di un servizio sanitario particolarmente delicato per i pazienti e per le loro famiglie. L’accordo prevede una durata biennale, in attesa della realizzazione del nuovo Hospice da parte della Asl Toscana Sud-Est, previsto negli spazi adiacenti all’ospedale San Donato.

“Il nostro istituto - spiega il dottor Giorgio Apazzi, direttore sanitario dell’Istituto di Agazzi - si pone al servizio del territorio e, di conseguenza, esprime soddisfazione nel contribuire a garantire alla cittadinanza un centro essenziale in una fase difficile e terminale del ciclo di vita dei pazienti, andando a consolidare la propria collaborazione con la Asl in nuovi ambiti dell’assistenza alla persona”.

La gestione dell’Hospice avverrà in stretta collaborazione tra la Asl Toscana Sud-Est e l’Istituto di Agazzi, per un’assistenza ventiquattro ore al giorno. L’Istituto di Agazzi assicurerà la presenza continuativa di un operatore socio-sanitario, l’assistenza religiosa e la gestione dei servizi alberghieri, mentre la Asl Toscana Sud-Est garantirà la presenza costante di un infermiere e, attraverso il coordinamento del dottor Giulio Corsi direttore della rete di cure palliative, anche il supporto del personale medico e la previsione di ulteriori professionalità previste dal Piano Assistenziale Individuale. Ogni camera sarà dotata di un doppio letto per ospitare anche eventuali accompagnatori, delle attrezzature sanitarie necessarie e dell’accesso diretto al giardino esterno, poi sono stati previsti spazi comuni e spazi riservati dove confrontarsi con il personale medico e infermieristico.

”L’Istituto di Agazzi della Congregazione dei Passionisti guarda con fiducia al prossimo futuro - aggiunge Padre Giovanni Battista Scarinci, Direttore Amministrativo dell’Istituto di Agazzi - il nostro impegno primario relativo alle persone con disabilità intellettiva e psichica sarà rivolto soprattutto al 'dopo di noi', ma da sempre ci siamo adeguati a dare risposte alle necessità del territorio, prendendoci cura, come da nostro carisma, dei più bisognosi e degli ultimi. La struttura di riabilitazione ha così ospitato per circa un anno il centro di cure intermedie per i malati di Covid19 e ora ci siamo resi disponibili nell’accogliere il servizio dell’hospice residenziale in sintonia con la Asl e con l’amministrazione comunale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno