Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:40 METEO:AREZZO11°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 12 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Neymar distratto dal telefono gioca a poker durante la festa di compleanno della figlia

Attualità sabato 03 luglio 2021 ore 10:24

Hospice e Area Vasta, Ghinelli "stuzzica" Giani

Alessandro Ghinelli, sindaco di Arezzo

Il sindaco perde la pazienza e scrive al governatore. "Arezzo e i suoi servizi sanitari non possono più attendere"



AREZZO — "La sanità aretina necessita di una revisione immediata". Se da un lato Ghinelli ritiene indispensabile rivedere le logiche che hanno portato alla Aslona, dall'altro sollecita interventi urgenti per le strutture aretine, prima fra tutte l'Hospice.

Così il primo cittadino si rivolge direttamente al presidente della Regione Toscana per sottolineare alcuni punti “sui quali la pazienza è finita". 

In merito all'Area Vasta, il sindaco sollecita una immediata rivalutazione.
"Sediamoci subito a un tavolo che segni politicamente una discontinuità. E confido che questo appello sia sufficiente, senza dover ricorrere ad altri strumenti di pressione come, ad esempio, una petizione popolare. Rispetto alla quale mi chiedo: perché rianimare i cittadini su una cosa talmente chiara come l’insostenibile e illogica estensione di una Asl che da Sestino arriva all’isola del Giglio? C’è bisogno di aggiungere altro dopo questa digressione geografica?".

Ma per Ghinelli i problemi sono anche all'interno della città e si chiamano Hospice e San Donato.
"Presidente Giani, la direzione sanitaria ci ha comunicato che per riavere l’Hospice occorreranno 32 mesi, che aggiunti ai 15 che abbiamo già atteso fanno quasi 50. Le sembra un tempo adeguato? Le sembra possibile che vada applicata una procedura ordinaria per qualcosa di straordinario? La nostra richiesta è che Arezzo possa tornare a fruire di un servizio fondamentale non solo da un punto di vista sanitario, ma con ricadute sociali ed etico-morali, in 12 mesi. Altrimenti è inutile partecipare a qualsiasi altra riunione in cui vengano prospettati progetti e tempi biblici".

Infine l’ospedale. "Il San Donato vive una situazione difficilissima, dal pronto soccorso ai reparti specialistici, e sta trasformandosi in un contenitore generalista che non è all’altezza della qualità e della professionalità del personale sanitario. E anche su questo chiediamo che il confronto si alzi. Per impostare un futuro di scelte, di investimenti, di progettualità che mettano la sanità di Arezzo al centro, ritagliando per essa perimetri di eccellenza e protagonismo nuovi. I temi sono: il futuro che questa città merita e le risposte che la Regione non dà” - conclude il sindaco Alessandro Ghinelli.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno