Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:27 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nave da crociera in fase di ormeggio finisce contro la banchina in Turchia

Attualità sabato 12 novembre 2016 ore 15:30

"I Comuni non riescono a controllare i carrozzoni"

Luigi Scatizzi, Andrea Gallorini e Giovanni Grasso (Popolari per Arezzo)

Secondo i Popolari la vicenda Ato Rifiuti deve generare nella politica una più amplia riflessione sull'utilità e sulla gestione dei servizi ai cittadini



AREZZO — La vicenda giudiziaria legata ad Ato Toscana Sud del ciclo dei rifiuti, con l'arresto del direttore per corruzione e turbativa d'asta, deve generare nella politica una più amplia riflessione sull'utilità e sulla gestione dei servizi ai cittadini. A sostenerlo sono i Popolari per Arezzo che evidenziano come negli ultimi anni si sia registrato un processo contraddittorio che, da un lato, ha portato all'eliminazione e al ridimensionamento di enti elettivi e prossimi ai territori come Circoscrizioni e Province, mentre dall'altro alla nascita di nuove entità come gli stessi Ambiti Territoriali Ottimali che sono molteplici, composti in modo differente e lontani dai cittadini.

In questo senso, i Popolari per Arezzo evidenziano come le amministrazioni comunali non riescano a controllare efficacemente i servizi offerti, e a verificarne spesso la trasparenza, gli affari e gli interessi economici. La politica deve dunque attivarsi per porre un limite agli aumenti ingiustificati delle tariffe che non possono crescere oltre il livello dell'incremento dell'inflazione: i costi dei servizi essenziali e dei beni di prima necessità devono essere posti sotto controllo e devono essere bloccati i loro rialzi esagerati. In questo senso, i Popolari per Arezzo ricordano come la tassa sui rifiuti nel 2014 subì un forte balzello, ma numerosi rincari si sono recentemente verificati anche per altri servizi ai cittadini. 

«Gli Ato devono essere capaci di tutelare e di garantire i diritti dei cittadini - commentano i Popolari per Arezzo - Le famiglie devono essere informate e chiamate a partecipare alle scelte, soprattutto a quelle che implicano una tassazione: va rivalorizzato il sacro principio della democrazia "no taxation without representation". Ci sentiamo in dovere di chiedere regole e vincoli severi per questi "carrozzoni" sorti ufficialmente per fini lodevoli come l'ottimizzazione e la razionalizzazione dei costi, ma che hanno bisogno di meccanismi maggiormente trasparenti e di maggiori ritorni in termini di qualità e di efficienza».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno