Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:00 METEO:AREZZO13°28°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Jovanotti a sorpresa torna sul palco e canta al Festival of The Sun in Toscana
Jovanotti a sorpresa torna sul palco e canta al Festival of The Sun in Toscana

Attualità martedì 28 marzo 2023 ore 12:50

Il Ddl Concorrenza agita i commercianti aretini

Secondo il direttore di Confesercenti, Valeria Alvisi "uccide i saldi e il commercio di vicinato. Il provvedimento è un regalo al commercio online”



AREZZO — Preoccupazione di Confesercenti sulle anticipazioni che arrivano relativamente al DDL Concorrenza. L'eliminazione dei limiti agli sconti con il quale si darebbe il via libera ai saldi tutto l'anno senza vincoli alla promozioni, per l'associazione di categoria sono misure che porteranno all'uccisione del commercio tradizionale e naturalmente ai saldi di fine stagione, senza nessun vantaggio neppure per i consumatori. "Un ulteriore regalo - commenta la direttrice di Confesercenti Arezzo Valeria Alvisi  - al commercio online e alla grande distribuzione a discapito dei negozi tradizionali".

“Siamo preoccupati - spiega ancora Alvisi - dalle notizie che si stanno susseguendo in merito alle anticipazioni che arrivano relative al DDL concorrenza. Se dovessero essere confermate le indiscrezioni ci troveremo, inaspettatamente e senza nessun confronto preventivo, di fronte ad una deregulation totale delle vendite promozionali. In pratica si tratta di una liberalizzazione selvaggia delle vendite di fine stagione che comporterà la morte dei saldi che il settore del commercio ha conosciuto fino ad oggi e che da sempre rappresentano una boccata di ossigeno per chi alza le saracinesche e per di più senza una vera e reale opportunità per i consumatori”.
Il DDL Concorrenza per l'associazione di categoria rappresenta un “vero e proprio regalo al commercio online e alla grande distribuzione a discapito dei negozi tradizionali”.

“Si tratta - ribatte la direttrice di Confesercenti - di un vero e proprio blitz normativo, inaspettato e indesiderato dalla categoria. Confesercenti giudica tra l'altro grave che possa essere prevista l'adozione di un provvedimento di tale portata senza un preventivo e dovuto confronto con le categorie interessate. Il DDL Concorrenza avrà un impatto devastante per il commercio in una fase delicata. Gli imprenditori dopo due anni di pandemia, dopo il caro bollette, e oltre alle difficoltà quotidiane che stanno affrontando con coraggio, si troverebbero di fronte a una deregulation totale delle vendite del commercio. Quello che trapela è un provvedimento che non tutela né i consumatori né i negozi della rete distributiva tradizionale, sottrae specifiche competenze delle regioni assegnate dal titolo V, e costituisce solo un regalo alle piattaforme di vendita online e alla grande distribuzione”.

"Apprendiamo con soddisfazione, dalle agenzie di stampa, che il Ministero per le Imprese e il Made in Italy ha assicurato che nel DDL Concorrenza non ci sarà la norma sulla deregulation totale dei saldi, per favorire un confronto preventivo con le associazioni di categoria e le Regioni". Così Valeria Alvisi direttrice di Confesercenti Arezzo commenta la retromarcia e la frenata del Governo: "Ci sembra la scelta giusta: le vendite di fine stagione sono un evento utile ai consumatori e alle piccole imprese del commercio, dal valore di circa 8 miliardi di euro l’anno. Cancellarli avvantaggerebbe solo le attività di dimensioni maggiori, dalla Grande Distribuzione alle piattaforme on line, che hanno la possibilità di investire somme cospicue nella promozione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno