Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:AREZZO15°32°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità sabato 15 ottobre 2016 ore 09:00

In mostra infanzia, disabilità e illustrazioni

Si chiama "Un altro sguardo" ed è un progetto culturale che prende il via domani alla Casa dell'Energia



AREZZO — Da domani, domenica 16 ottobre al 12 novembre la Cooperativa Progetto5 (www.progetto5.org) di Arezzo promuove UN ALTRO SGUARDO, un vero e proprio progetto culturale che vuole indagare la relazione tra Disabilità, Infanzia e Albo Illustrato. L’iniziativa nasce da una collaborazione di Progetto 5 con MIUR, Cooperativa Giannino Stoppani di Bologna, Fondazione Gualandi e Regione Emilia-Romagna che nel 2016 hanno collaborato all’apertura, all’interno della Fiera del Libro per i Ragazzi di Bologna, della sezione Disability Awards a cui hanno partecipato più di 160 tra autori e illustratori con le proprie opere. Tra queste sono state selezionate 16 opere le cui tavole originali costituiscono la mostra Un Altro Sguardo. Vincitore del concorso: “Mallko y Papa” di Gustavo Rosemffet (in arte Gusti).

Il primo appuntamento di Un Altro Sguardo è per domani, domenica 16 ottobre presso la Casa dell’Energia con un ricco programma che coinvolge il network sviluppato da Progetto5 a livello locale e nazionale mettendo assieme cooperative, imprese, agenzie educative, operatori culturali e associazioni che a vario titolo si occupano di infanzia. Si parte con un convegno alle 15 volto a indagare la rappresentazione della disabilità nella nostra società a partire dalla letteratura. Le storie dei bambini e dei ragazzi disabili racchiuse nei libri ci invitano, di fronte alla disattenzione e al disagio, ad alzare gli occhi e a trovare un altro sguardo, uno sguardo aperto, partecipato, pronto a stupirsi, a commuoversi, ad arrabbiarsi, a gioire di fronte a parole e figure. Dopo i saluti istituzionali, daranno il loro contributo alla riflessione Silvana Sola presidente di Ibby Italia - Cooperativa Culturale Giannino Stoppani, Maria Cristina Rossetti presidente della Cooperativa Progetto5, Irene Scarpati editor Bianco e Nero, Chiara Carrer illustratrice, Gabriele Clima scrittore, Elena Giacomin della libreria La Casa sull’Albero e operatori che si occupano di infanzia e disabilità per Progetto5.

Al termine del convegno, ecco la performance L’onda, nata dal progetto Donne/Madri nella Disabilità a cura di Fondazione N. Galli e Diesis Teatrango. E a seguire l’inaugurazione della mostra Un altro sguardo, un’esposizione delle opere di sedici illustratori selezionati da un panorama internazionale; tavole originali tratte dai libri della sezione speciale Disability del BolognaRagazzi Award 2016, sedici matite che raccontano la sordità, la difficoltà a deambulare, la cecità, l’autismo, il mutismo e l’incapacità a creare una relazione tra pari. La diversità si trasforma in un’opportunità per riuscire a guardare il mondo, noi stessi e gli altri da una prospettiva diversa; questo vuole essere lo spirito della mostra che inviterà il visitatore a utilizzare “un altro sguardo”.

La Casa dell’Energia ospiterà, inoltre, la mostra fotografica Punti di vista, una selezione di fotografie realizzate da alcuni talenti che frequentano i Centri Diurni in cui lavorano gli operatori di Progetto5. Questo percorso, iniziato nel 2005, ha permesso ai fotografi di non dubitare delle loro possibilità e di far cadere un muro. È stato riconosciuto il valore delle loro opere e ciò ha consentito loro di integrarsi in un mondo che fino a poco tempo prima sembrava inaccessibile.

Le mostre sono a ingresso libero e saranno visitate, al mattino, da oltre 50 classi della Provincia di Arezzo. Dalle 16 alle 19 saranno, invece, aperte al pubblico tutti i giorni. Fino al 12 novembre. Alla conclusione della mostra, tutti i libri in consultazione durante la stessa saranno consegnati alla Biblioteca Città di Arezzo che li inserirà temporaneamente nella Sezione Ragazzi.

Il 17, 18 e 19 ottobre il progetto prosegue con Quello che non abbiamo ancora visto, una serie di appuntamenti sempre alla Casa dell’Energia dedicati a insegnanti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado educatori e operatori del sociale, volti a fare il punto sulle storie, le figure e le parole che raccontano la disabilità. Gli incontri, le cui docenze sono a cura della Cooperativa Giannino Stoppani di Bologna, intendono tracciare un filo rosso fra i volumi messi in campo dall’editoria contemporanea italiana e internazionale, alla ricerca di buoni libri per tutti, tra figure e le giuste parole per dirlo. I libri possono essere motori di riflessioni, di suggestioni, di relazioni: amare, ascoltare, accogliere, cambiare, sentire, pensare, conoscere, leggere.

“La biblioteca – sostiene il presidente Alessandro Artini – si apre al territorio promuovendo iniziative di realtà cittadine. L’integrazione dei disabili nelle scuole non è scontata, da qui l’importanza di potenziare attività volte a favorirla. La disabilità riguarda ciascuno di noi, aprire la biblioteca a ‘un altro sguardo’ significa aumentare la cultura e la civiltà di Arezzo”.

Dice Maria Cristina Rossetti, presidente della Cooperativa Progetto5: “Progetto5 contiene da sempre nel suo nucleo l’attenzione alle differenze, lavora con la disabilità con l’intento di sostenere la fragilità, promuovere l’integrazione e valorizzare le risorse che ogni diversità contiene e nasconde. Raccontare la disabilità è un’occasione per rendere visibile la complessità e la ricchezza che sfugge al primo sguardo, posando l’attenzione sull’inespresso con un’altra sensibilità. L’Albo illustrato condensa in sé parola e immagine, in un linguaggio che esce dall’ordinario e ci porta più vicini alla comprensione dell’altro, qualunque corpo abiti. Parlando il linguaggio dei piccoli ci avviciniamo all’essenziale, che può farsi visibile agli occhi e sorprenderci. Questa mostra ci porta attraverso il linguaggio immediato dell’arte a sentire senza filtri, a vedere oltre con sguardo nuovo: un altro sguardo”.

Il progetto Un Altro Sguardo è patrocinato da Comune di Arezzo e Azienda Usl 8 Arezzo ed è realizzato anche grazie al sostegno di next20.it, 2B Solutions e Banca Popolare Etica. Il progetto è realizzato con la collaborazione del MIUR, della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Bologna, della Fondazione Gualandi a favore dei sordi, con il supporto organizzativo e logistico della Libreria La casa sull’Albero.

Progetto5, cooperativa sociale onlus di tipo A, nata nel 1985, promuove e valorizza ogni persona, mediante la partecipazione attiva di socie e soci. Progetta e gestisce servizi educativi, socio-assistenziali e culturali di qualità, creando opportunità di lavoro qualificato. Progetto5 è un’impresa sociale impegnata nella costruzione di reti, partendo dalle comunità locali per favorire percorsi di solidarietà, innovativi e partecipati. Ascoltiamo molte voci e ci prendiamo cura dei disagi delle persone più fragili, pensiamo che questa sia un’occasione preziosa per sostenere una nuova cultura e un’educazione alla curiosità, alla comprensione, alla differenza.

Per info e contatti: direttore@progetto5.org, 057521435. Per info e prenotazioni visite guidate mostra e formazione: info@librerialacasasullalbero.com, 0575-27186.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'auto si è schiantata contro il rimorchio di un camion che stava uscendo da un'area di servizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

CORONAVIRUS

Sport