Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO13°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni incontra Biden alla Casa Bianca: «Costruire insieme la pace per l’Ucraina»

Attualità martedì 10 gennaio 2017 ore 07:00

Insediato il consiglio provinciale

Roberto Vasai, presidente della Provincia di Arezzo

Prima seduta dopo le elezioni del 18 dicembre che hanno rinnovato l'assise. Vasai: "Non saremo spettatori passivi nonostante le difficoltà"



AREZZO — Insediato, alla presenza di tutti i suoi 13 componenti, il consiglio provinciale che sarà chiamato a governare l'ente nei prossimi due anni. Dopo la convalida degli eletti, è stato il presidente Roberto Vasai a dare il suo benvenuto agli eletti. 

“Le elezioni che si sono svolte il 18 dicembre scorso – ha esordito Vasai - hanno portato, così come era prevedibile, a un rinnovamento profondo della composizione dell'assemblea, nella quale ben dieci componenti su dodici vi si siedono per la prima volta. Voglio innanzitutto ringraziarvi per lo spirito di servizio con il quale avete accettato questo impegno che non comporta, è bene ricordarlo, indennità o gettoni di presenza di nessun tipo, né per il presidente né per i consiglieri. Siamo e saremo al servizio della comunità, rappresentandone le istanze e gli interessi nei settori nei quali siamo chiamati ad operare. Dopo la bocciatura del progetto di riforma costituzionale è ora necessario un intervento di Governo e Parlamento, perché non si può pensare di far rimanere un ente previsto dalla Costituzione in un limbo che ne lede la funzionalità e anche la dignità. Diciamo allora, in sintesi, che se la prima legislatura del consiglio provinciale eletto con il voto di sindaci e consiglieri comunali ha avuto il compito di resistere, ovviamente nell'interesse dei cittadini e dei servizi che siamo chiamati ad offrire, quello che si insedia oggi vivrà una fase di ricostruzione, perché è certo che le Province continueranno ad esistere. Di sicuro non saremo spettatori passivi di questa fase, forti dell'esperienza di questi anni e dell'impulso che dagli amministratori del territorio verrà al dibattito. 

Concludo accennando alla situazione di difficoltà nella quale le Amministrazioni si sono trovate in questi ultimi anni dicendovi che nel 2016 abbiamo approvato il bilancio preventivo a fine settembre, e solo in virtù di alcuni correttivi legislativi che sono stati apportati per consentire alle Province quantomeno di sopravvivere. La nostra navigazione odierna, che non può che essere a vista, ci consente per il momento di gestire le situazioni di emergenza su scuole e strade, di assolvere il nostro servizio di spalatura neve e spargitura sale lungo le strade di competenza provinciale, di svolgere i compiti di programmazione e coordinamento che ci vengono assegnati in materia di organizzazione scolastica e sulle Pari Opportunità. Confermo infine con forza che ogni risorsa libera disponibile al di fuori di quanto appena elencato verrà investita nell'edilizia scolastica, che considero da sempre la nostra priorità”, ha concluso il presidente Vasai. 

Molti gli interventi che si sono susseguiti nel dibattito consiliare: dal sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli, che ha apprezzato i toni della relazione del presidente, definita “di buon senso e di realismo” e che ha sottolineato che su tematiche come l'edilizia scolastica o la viabilità è indispensabile avere a disposizione risorse certe, al sindaco di Talla Eleonora Ducci, che è stata vicepresidente della Provincia nei due anni precedenti e che ha ricordato come si sia operato per far svolgere alla Provincia il suo ruolo nel modo più efficace. 

Il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli ha invece sottolineato che “l'interfaccia della Provincia non sono più i singoli cittadini ma i Comuni, e che questo è un ruolo che richiede una responsabilità forse anche maggiore. Concordo sul fatto che la priorità vada data all'edilizia scolastica, ma senza dimenticare che per un territorio le infrastrutture rappresentano un motore di sviluppo indispensabile, e assicuro la mia massima disponibilità a collaborare su questi temi”, ha concluso Ghinelli. 

Interventi anche da parte dei consiglieri Gabriele Corei, anche lui come Eleonora Ducci presente anche nella precedente legislatura, Francesco Del Siena, unico eletto della lista “Progetto Civico” che ne ha ricordato la volontà di rappresentare una strada diversa dai due schieramenti classici che si sono contrapposti anche in queste elezioni, Nicola Carini, che si è detto “onorato di rappresentare la Provincia e di rendere un servizio senza indennità o gettoni di presenza, cosa che la politica dovrebbe fare a tutti i livelli”, e il sindaco di Monterchi Alfredo Romanelli. 

In chiusura di seduta il presidente Vasai ha ringraziato tutti per il contributo al dibattito e ha dato appuntamento per l'inizio del lavoro preparatorio del bilancio 2017, che dovrà essere approvato entro il 31 marzo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno