Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:02 METEO:AREZZO15°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Kenya, scene di guerriglia urbana: i manifestanti prendono d'assalto gli edifici del Parlamento
Kenya, scene di guerriglia urbana: i manifestanti prendono d'assalto gli edifici del Parlamento

Attualità giovedì 29 giugno 2023 ore 18:01

La medicina legale clinica in ospedale, Arezzo prima in Italia

L’obiettivo del nuovo servizio avviato all'ospedale San Donato è fornire consulenza e informazione ad operatori sanitari e utenti. Asl Tse pioniera



AREZZO — Una connessione diretta fra ospedale, operatori sanitari, utenti e Medicina legale. Un sogno, quello del professor Pasquale Giuseppe Macrì, responsabile Area dipartimentale Medicina Legale e Gestione della Responsabilità sanitaria, che si concretizza e che vede un servizio, finora attivo solo negli ospedali universitari, realizzarsi anche nel servizio sanitario pubblico.

La Asl Tse è la prima azienda sanitaria pubblica in Italia ad aprire un servizio di Medicina Legale Clinica Ospedaliera in un ospedale pubblico, non universitario. Un primato inaugurato oggi (29 giugno) alla presenza del responsabile della Direzione Sanità welfare e coesione sociale della Regione Toscana Federico Gelli, dell’assessore alla Salute Simone Bezzini e del sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli. A fare gli onori di casa Antonio D’Urso, Direttore Generale Asl Tse.

"Da oggi la Medicina legale entra in ospedale fino al letto del paziente – dichiara Antonio D’Urso - Il progetto del prof. Macrì è innovativo e per la prima volta porta i medici legali in corsia con un approccio proattivo nei confronti degli utenti fragili, spesso ignari dei propri diritti e delle possibilità che hanno a disposizione. È un progetto nel quale ho creduto fermamente sin dal primo momento".

"Abbiamo formalizzato – spiega Macrì - quello che già in parte accadeva ma che non c’è in nessun ospedale del servizio sanitario pubblico, eccetto negli ospedali connessi alle università, e che consiste nel portare, quando occorre, i medici legali a fare consulenze al letto del paziente come avviene per gli altri specialisti quali cardiologi, gastroentorologi, neurologi. Un’attività su questioni prettamente medico legali come, ad esempio, l’espressione di consenso e dissenso, finalizzata a fare informazione su quei casi clinici che presentino rischi o problematiche medico-legali che potrebbero poi portare a contenziosi che, invece, è meglio prevenire ed evitare piuttosto che affrontare successivamente".

L’obiettivo del nuovo servizio avviato al San Donato è fornire consulenza e informazione ad operatori sanitari e utenti su questioni di interesse medico-legale che dovessero insorgere nella pratica clinica e su tematiche inerenti al consenso e al dissenso alle cure e ai trattamenti, alle disposizioni anticipate di trattamento (DAT), alla pianificazione condivisa delle cure (PCC) e al ruolo del fiduciario, come individuati dalla legge 219 del 2017, e sull’avvio delle procedure per richiedere l’amministrazione di sostegno.
Con l’attività di consulenza agli operatori sanitari si potranno evidenziare eventuali criticità nel percorso clinico-assistenziale e mettere in atto le azioni per gestire adeguatamente il rischio clinico, la sicurezza delle cure e tutelare i diritti dei pazienti e degli stessi operatori sanitari.
L’attività di consulenza si svolgerà presso il reparto di degenza, nelle stanze dedicate all’interno dell’ospedale oppure attraverso la teleconsulenza.

"Ci occuperemo – prosegue il prof. Macrì - anche della parte di medicina legale proattiva
il cui ruolo è identificare precocemente le necessità di tipo previdenziale-assistenziale dei pazienti e fornire informazioni e orientamento sulle possibilità di accedere a determinati tipi di beneficio, sulle modalità di presentazione delle domande e, dove possibile, provvederemo direttamente all’erogazione dei benefici".

Fra le informazioni fornite dagli specialisti della Medicina Legale ospedaliera ci sono quelle sulle prestazioni previdenziali disponibili (invalidità civile, indennità di accompagnamento, indennità di frequenza, stato di handicap) o per l’accesso alla certificazione di carattere medico-legale (valutazione della idoneità alla guida, certificazione di grave patologia, certificazione per rilascio di contrassegno disabili).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno