Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO11°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Attualità giovedì 24 giugno 2021 ore 10:10

Lavoro, i sindacati scendono in piazza

Alessandro Mugani, segretario provinciale Cgil Arezzo

Anche da Arezzo alla manifestazione in programma a Firenze. Mugnai "Lo sblocco dei licenziamenti rischia di essere una bomba sociale"



AREZZO — "Lo sblocco dei licenziamenti rischia di essere - come ha affermato Landini - una vera e propria bomba sociale. Il paese sta mettendo da parte le preoccupazioni sanitarie, si sta concentrando sulla fine delle mascherine, sulle riaperture dei locali e sulle vacanze. E' una naturale visione dopo i terribili mesi che abbiamo alle spalle. Solo che nel prossimo futuro non abbiamo solo questo: alle chiusure di imprese e alle perdite di lavoro, si aggiungeranno i licenziamenti appena verranno sbloccati. E dall'emergenza sanitaria passeremo a quella sociale. In Italia e ovviamente anche ad Arezzo". 

Questo l'allarme e il quadro della situazione tracciata da Alessandro Mugnai, segretario provinciale della Cgil aretina.

"Per questo scenderemo in piazza il 26 giugno. Lo faremo unitariamente come Cgil, Cisl e Uil. I lavoratori aretini parteciperanno alla manifestazione di Firenze , chiedendo la proroga del blocco dei licenziamenti almeno fino al 31 ottobre, accompagnata dalla riforma degli ammortizzatori sociali e dalle politiche attive per il lavoro" prosegue ancora Mugnai, dando l'appuntamento per questo sabato.

Quindi, il segretario Cgil termina "dove è viva la pratica della giustizia sociale e dell'equa redistribuzione delle risorse, è viva anche la democrazia in tutte le sue migliori forme. Ma questi semplici quanto fondamentali principi sociali sembrano difficili dall'esser compresi dalle maggiori forze di Governo, oppure - verrebbe da dire - l'interesse è scarso. E' per questo che ha ragione Landini nel sostenere che disprezzando il lavoro si mina la tenuta democratica di un paese. Quante "bombe sociali" abbiamo innescato negli anni mortificando il principio costituzionale del lavoro? Sabato 26 giugno sarà l'occasione per iniziare con forza ad affermare in questo paese il concreto diritto al cambiamento".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno