Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:40 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Zingaretti: «Ho scoperto di avere un neo che era un tumore maliglio. Mi sono salvato grazie alla prevenzione»

Attualità lunedì 29 marzo 2021 ore 13:49

"Nessuno è lasciato solo", l'unione fa la forza

Lucia Tanti, vicesindaco di Arezzo

Servizi sociali del Comune e Associazioni del territorio insieme per dare un adeguato sostegno a tutti gli aretini che si trovano in difficoltà



AREZZO — Parola d'ordine: sostegno. Su questa scia è stata instituita una cabina di regia in grado di coordinare gli aiuti resi ai cittadini che si trovano in difficoltà. 

“Dalla Misericordia a Confartigianato, da Coldiretti a molte associazioni di volontariato fino al contributo dei club di servizio: si va così sempre più rafforzando concretamente l’alleanza tra il Comune, il volontariato e le categorie, anche economiche, per fare fronte a questo momento di grande disagio sociale" - afferma l'assessore e vicesindaco Lucia Tanti

Insomma, il Comune offre la propria esperienza e il proprio know-how per costruire un sistema ordinato e razionale in cui si raccolgono le azioni di generosità che la città, per il tramite delle associazioni e delle categorie, mette a disposizione di chi si trova in difficoltà.

"Una cabina unica municipale per il sostegno agli aretini in difficoltà, pronta l’alleanza di tutti per il nuovo welfare: forte, efficiente, discreto, libero - ribadisce Lucia Tanti. Questa è la prima concreta pietra per la definizione del nuovo welfare municipale che sarà libero, responsabile, civico ed efficiente”.

Le azioni sono plurali e costanti: dal supporto alimentare ed economico ad azioni di solidarietà verso i diversamente alibi fino iniziative per contrastare la povertà educativa tramite donazioni o contributi di ogni genere. Ma non solo, il percorso è perfettamente "binario".
Il Comune, infatti, si mette in questo modo nelle condizioni di ricevere, in tempo reale, dalle associazioni e anche dalle categorie economiche segnalazioni di disagi nuovi, cioè di quelle persone, sempre di più, che sono economicamente in grave difficoltà ma che hanno pudore a chiedere aiuto al Comune. Sono infatti sempre di più i "nuovi poveri", spesso "vittime economiche" del Covid, che per la prima volta nella vita fanno fatica ad arrivare alla fine del mese, persone che mai hanno avuto bisogno e che ora invece sono ai margini e spesso invisibili nelle loro difficoltà.

"Il Comune - conclude il vicesindaco Lucia Tanti -  intende non dimenticare nessuno ma intercettare e mettere in campo nuove risorse: questa alleanza ci aiuta ad arrivare là dove da soli non saremmo potuti arrivare e ci aiuta a razionalizzare aiuti e sostegni. Questo modello farà la vera differenza e costruirà un sistema forte, protettivo, razionale, non assistenziale e soprattutto dignitoso per chiunque".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno