Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:32 METEO:AREZZO14°22°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo yacht extra-lusso si arena su una spiaggia a Formentera
Lo yacht extra-lusso si arena su una spiaggia a Formentera

Attualità giovedì 17 giugno 2021 ore 06:00

Patto per l'acqua, ecco i prossimi step

Nella giornata mondiale contro la desertificazione, la presidente del Consorzio di Bonifica rilancia sull'importanza di una politica irrigua efficace



AREZZO — “Il clima è cambiato e con esso le precipitazioni meteorologiche. Assistiamo impotenti a lunghi periodi di caldo intenso e assenza di pioggia. La siccità ormai è un fenomeno che non risparmia neppure i nostri territori. E’ necessaria un’assunzione di consapevolezza collettiva, adeguando le infrastrutture a servizio dell’agricoltura e dell’ambiente, perché senza acqua e senza cibo non c’è vita”.

A dirlo è Serena Stefani, presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno che, in occasione della giornata mondiale contro la desertificazione, fa il punto della situazione e rilancia la necessità di adottare a livello toscano una strategia adeguata.

“Il 3 ottobre scorso, in occasione del convegno “Acqua Agricoltura Ambiente”, ad Arezzo, il nostro ente insieme alle organizzazioni professionali agricole e la Regione Toscana, alla presenza del Presidente Eugenio Giani, ha firmato un patto per l’acqua. Con la sottoscrizione del patto, il nostro Consorzio si è assunto l’impegno di valutare i reali fabbisogni di acqua presenti e futuri delle imprese agricole; di promuovere l’utilizzo delle reti di distribuzione collettiva della risorsa, limitando i prelievi individuali di acque sotterranee e superficiali per contrastare l’abbassamento delle falde e per garantire il deflusso minimo vitale dei corsi d’acqua; di favorire la crescita dei distretti irrigui e di adeguate reti di distribuzione utilizzando la risorsa del Sistema di Montedoglio, di creare nuovi bacini di piccole e medie dimensioni per evitare che un bene sempre più raro e prezioso venga sprecato”.

Da allora, gli impegni assunti dal Consorzio cominciano a prendere forma. A breve saranno assegnati i lavori per la realizzazione del Distretto irriguo 8 nel comune di Castiglion Fiorentino; si attendono gli esiti del bando per il finanziamento della progettazione di buona parte del maxi Distretto Irriguo 23 al servizio delle imprese del comune di Foiano della Chiana e di alcune aree limitrofe; si stanno stimando, con il supporto dell’Università di Firenze, i fabbisogni di acqua delle imprese presenti nel territorio di Montepulciano, dove è prevista la nascita del distretto 38-39; nella cornice dei contratti di fiumi avviati dall’ente, si sostengono progetti per lo sviluppo dei sistemi di stoccaggio e conservazione della risorsa e per l’adozione di tecnologie per il risparmio dell’acqua.

“Per garantire alla Toscana una resilienza ai cambiamenti climatici e per conservare la biodiversità che la contraddistingue, è sempre più urgente adottare una politica irrigua efficace e moderna a supporto di un’agricoltura di qualità ed eccellenza come solo i nostri territori sanno esprimere!”, conclude la presidente Stefani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno