Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:02 METEO:AREZZO15°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Kenya, scene di guerriglia urbana: i manifestanti prendono d'assalto gli edifici del Parlamento
Kenya, scene di guerriglia urbana: i manifestanti prendono d'assalto gli edifici del Parlamento

Attualità martedì 14 giugno 2016 ore 12:53

"Polemica Consob per distrarre da Banca Etruria"

E' la dichiarazione di Maurizio Gasparri, vice presidente del Senato. "Bankitalia va chiusa. Sul suo operato è sceso un velo di omertà"



AREZZO — "Il governo sta scatenando un'offensiva nei confronti della Consob forse con l'obiettivo di distrarre gli italiani dalle colpe della famiglia Boschi per la vicenda Banca Etruria. Ci sono delle indagini in corso. C'era stata un'evidente inerzia della Procura della Repubblica aretina che è stata anche al centro di verifiche del Csm. Cosa c'è di meglio, allora, di una bella polemica nei confronti della Consob per distrarre gli italiani dalle responsabilità del governo? Peraltro, su tutta la vicenda bancaria grava la distrazione dell'esecutivo che, non intervenendo tempestivamente, ha creato uno spreco enorme di risorse". 

Lo dichiara il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (FI). "Si è usato l'alibi consueto dell'Europa per coprire gli enormi errori commessi. Più che della Consob bisognerebbe parlare della Banca d'Italia sulla quale è sceso un velo di omertà. L'istituto di Via Nazionale non serve più a nulla. Il suo capo viola le norme sul tetto alle retribuzioni per gli esponenti delle strutture pubbliche. La vigilanza che spettava a questo inutile baraccone non c'è stata. Bankitalia va chiusa, anche perché da quando c'è la BCE potrebbe creare solo dei danni a fronte di una saggia politica della Banca centrale europea. Dobbiamo aprire in Parlamento una discussione sugli errori di Visco, ovviamente senza trascurare Renzi e Padoan che hanno colpe pari alle sue", conclude.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno