Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:AREZZO21°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, Convention repubblicana: ovazione per JD Vance, nominato candidato vicepresidente per acclamazione
Usa, Convention repubblicana: ovazione per JD Vance, nominato candidato vicepresidente per acclamazione

Attualità martedì 22 marzo 2022 ore 14:55

Nelle scuole aretine i primi bimbi dall'Ucraina

Foto archivio - Accoglienza profughi Ucraina

Tra nidi, materne, elementari e medie 10 inserimenti. Alle superiori altri due. Anche un B&B disponibile all'accoglienza come 130 privati



AREZZO — In tutto sono 10 le bambine e i bambini provenienti dall’Ucraina che sono stati accolti nei nidi e nelle scuole, materne, elementari e medie, del Comune di Arezzo, e ai quali lo stesso Municipio garantisce il trasporto e il servizio mensa.

Con loro anche due ragazzi più grandi, accolti nei nostre scuole superiori. Un piccolo, primo nucleo che potrebbe però presto assumere una diversa entità, in considerazione dell’aggravarsi del conflitto e della crescente emergenza umanitaria. 

Intanto, un’altra struttura alberghiera ha dato la propria disponibilità all’accoglienza in caso di necessità: si tratta del b&b “CameraCaffè”, che si unisce agli hotel Continentale, Minerva ed Etrusco: questi ultimi avevano risposto immediatamente all’accordo raggiunto tra Anci, Regione Toscana, Prefetture, Comuni e categorie economiche circa l’accoglienza dei profughi in fuga dalla guerra. Molte le offerte di ospitalità anche da parte dei privati, 69 fino ad oggi per un totale di 130 disponibilità.

“Siamo pronti a rispondere all’emergenza umanitaria che giorno dopo giorno si sta facendo più drammatica – dichiarano il sindaco Ghinelli e il vicesindaco Tanti. – Si fa sempre più importante il numero soprattutto di donne e bambini che fuggono dalle zone di guerra in cerca di sicurezza oltre confine, e non solo i paesi limitrofi ma quelli dell’intera Europa sono meta giorno dopo giorno di questo esodo drammatico. Arezzo è preparata a fare la propria parte, ma per poter meglio organizzare una assistenza più efficace e una riposta più puntuale, rinnoviamo l’appello in particolare a tutti coloro i quali raggiungono il nostro territorio per un ricongiungimento parentale o di prossimità, affinché registrino la propria presenza presso la nostra questura".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno