Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:39 METEO:AREZZO21°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti
Trump e quel «Combattete!»: il momento che cambia la campagna elettorale per tutti

Elezioni 2020 mercoledì 02 settembre 2020 ore 13:28

Ralli: "La mia Amministrazione sarà tra la gente"

Il candidato sindaco del centrosinistra ha rimarcato il ruolo fondamentale di quartieri e frazioni che devono tornare centrali per il Comune



AREZZO — Ascoltare la gente, incontrarla, conoscere i problemi delle singole realtà, portare il Comune fuori dalle mura storiche cittadine, questa è l'idea di Luciano Ralli per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio.

Il candidato sindaco dell'alleanza di centrosinistra questa mattina si è recato a San Leo. Ad attenderlo quasi tutti gli ex presidenti delle circoscrizioni che hanno ribadito la necessità di quel decentramento necessario a ridare vita alle singole frazioni.

Peloso, Lanzi, Mazzi, Acquisti, Mirelli e Dottorini nonché gli ex consiglieri di circoscrizione Donati e Donato hanno sottolineato come negli ultimi anni, già a partire dal secondo mandato Fanfani, le realtà periferiche siano state "abbandonate" dall'Amministrazione cittadina. Problemi di manutenzione, quelli legati agli anziani ma anche poca attenzione alla promozione culturale e assenza di progetti di aggregazione sono le carenze maggiori con le quali, quotidianamente, si trovano a  fare i conti i residenti della periferia.

Luciano Ralli ha garantito come la sua amministrazione sarà presente sull'intero territorio, ponendo la stessa attenzione tanto al centro storico quanto alle frazioni, o come li chiama lui i paesi. "Noi vogliamo inaugurare una fase amministrativa diversa. Negli ultimi 15 anni sono stati fatti alcuni interventi limitati al solo centro storico della città. Gli stessi quartieri e penso a Saione, Pescaiola, il Giotto per citarne alcuni, sono stati lasciati in balìa di se stessi. Io non ho voluto un punto elettorale. Ritengo che la politica debba andare dalla gente e questo sarà ciò che la mia Amministrazione farà su tutto il territorio aretino".

Luciano Ralli, quindi, ribadisce come dialogo e partecipazione debbano essere alla base di un governo cittadino in grado di dare adeguate risposte ai bisogni della gente. Consapevole dell'impossibilità di riattivare le Circoscrizioni, Ralli sottolinea come nel suo programma è stato inserito uno specifico modello di decentramento, atto proprio a ridar attenzione e dignità a tutto il territorio comunale. 

"Dobbiamo creare una sintesi tra le esigenze dei cittadini che non abitano nell'area urbana con quelli delle periferie - afferma Ralli. Un ruolo centrale lo avranno i centri di aggregazione che saranno potenziati e ampliati. Queste realtà svolgono un ruolo fondamentale per il territorio e la comunità ed è nostra intenzione aiutarli, sostenerli e valorizzarli".

Parlando di bilanci partecipativi, infine, il candidato sindaco del centrosinistra rimarca come questi dovranno tener conto dei lavori pubblici, verde,  proposte culturali e politiche educative e del tempo libero da realizzarsi in ogni zona o quartiere annualmente, con risorse certe stabilite annualmente in base ad apposita delibera di giunta comunale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno