Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 28 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Elezioni 2020 martedì 01 settembre 2020 ore 10:48

​Scuola, Ralli: “Soluzioni, non scontri”

Un monito a scansare polemiche e garantire una riapertura efficiente e in sicurezza: ecco la proposta di del candidato sindaco del centrosinistra



AREZZO — Un monito a scansare inutili polemiche e a fare. In ballo c'è la riapertura della scuola e dunque le esigenze di ragazzi, famiglia, docenti e personale scolastico. Un mondo che deve ripartire e funzionare. Per questo Luciano Ralli, candidato sindaco del centrosinistra toglie dal terreno della campagna elettorale inutili speculazioni politiche. “Possiamo litigare su tutto in campagna elettorale. Ma certamente non sulla formazione e sul diritto allo studio dei nostri ragazzi”. Dunque centralità alle proposte per garantire una riapertura dell'anno scolastico sicura ed efficiente.

Ghinelli propone di utilizzare gli spazi all'aperto? “Sono stati sempre utilizzati ma per attività definite: attività motorie, il gioco libero, i tempi ricreativi, la consegna e il ritiro dei bambini e tutte quelle azioni che i docenti programmano in base ai campi d'esperienza per la scuola dell'infanzia e per le discipline negli altri ordini di scuola come da "Indicazioni Nazionali del 2012"

Ipotizzare l’attività didattica all’aperto è un’altra cosa. Possono e devono essere studiate altre soluzioni. La scuola Curina, ad esempio, ha in un perimetro di 300 metri due centri di aggregazione, una scuola materna privata e una parrocchia. Poi perché non considerare le "piccole scuole", quelle che l'amministrazione vuol chiudere. Pensiamo a Quarata, Giovi e tante altre: con un sistema di trasporto molti problemi potrebbero essere risolti. E non si venga a parlare di sicurezza: in tre mesi avrebbero potuto essere messi a norma, d'altronde non si stanno demolendo pareti in tutti i plessi scolastici?”. 

Ralli è convinto che l'emergenza Covid potrebbe essere l’occasione per riorganizzare almeno una parte del sistema scolastico la cui componente immobiliare è del Comune di Arezzo. In proposito,Valentina Vaccari, candidata nella lista Pd, avanza la proposta di un vero e proprio polo didattico: “L’area della Cadorna non ha un’identità ben definita, se si fa eccezione per lo Sportello Unico che ha finito pe caratterizzarla. Ma un’ipotesi da valutare puà essere quella di far diventare la ex Cadorna la “Banca dello spazio” per affrontare l’emergenza Covid. Ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo polo didattico aretino”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno