Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:31 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rio de Janeiro, il Cristo Redentore illuminato con le foto del Papa

Attualità martedì 01 dicembre 2020 ore 15:20

"Rianimazione" del San Donato pronta a tutto

Il presidente Giani inaugura il nuovo reparto potenziato nelle degenze. D'Urso: "Intervento strutturale, realizzato in 40 giorni e destinato a durare"



AREZZO — Giornata importante per Arezzo e per il suo ospedale. Stamani è stato inaugurata la nuova "Terapia Intensiva". O meglio, il reparto è stato potenziato con sei nuovi posti letto che, oltre ad integrare quelli già in essere, consentiranno di liberare le sale operatorie attualmente adibite al ricovero dei pazienti più gravi.

Questo è il primo passo di un progetto ben più grande e complesso. Infatti, tra pochi giorni, ai 6 nuovi posti letto ne verranno aggiunti altri tre. Ma non solo. E' già prevista la realizzazione di altre 9 degenze che, sommate alle 12 attuali, porterà a 30 i posti letto in "Rianimazione". Un numero importante, realizzato per l'emergenza Covid ma pensato a durare nel tempo

Sì, perché come spiegato dal primario Feri, la "Rinimazione" è un reparto delicato, dove vengono salvate vite umane e dove professionalità e tecnologia devono andare di pari passo. 

Lo stesso direttore generale della Asl sud-est Antonio D'Urso ha sottolineato come questo intervento abbia natura strutturale e non solo emergenziale. Ovvero, si tratta di un reparto che, così come organizzato, sarà in grado di poter gestire eventuali nuove emergenze e non solo di natura epidemiologica. Insomma, una giusta risposta alle esigenze di un'intera comunità.

Anche il governatore Giani si è rallegrato nel vedere come il San Donato sia diventato un ospedale di grande rilevanza regionale e nazionale. Nel ringraziare tutto il personale medico e ospedaliero, che sta combattendo contro il virus, il presidente della Regione ha sottolineato l'importanza del tracciamento. A tal proposito si è congratulato pubblicamente con Antonio D'Urso, capace di organizzare l'intera task force regionale che, in breve tempo, è passata dall'individuazione del 37 al 100% dei contatti di caso. Insomma, ad oggi, grazie a nuove assunzioni ma soprattutto al meticoloso lavoro di cesello preteso dal direttore generale della Asl Toscana sud-est, in tutta la regione vengono individuate tutte le persone che sono venute a contato con un positivo Covid. Questo ha consentito di arginare il contagio con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. In poche settimane, infatti, in Toscana siamo passati da 2.800 positivi a poco più di 600 di oggi.

Il San Donato cresce, il virus scende e tra poco la Toscana tornerà a "respirare", almeno così garantisce Giani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Il dottor Feri sull'ampliamento della terapia intensiva di Arezzo
D'Urso sull'ampliamento della terapia intensiva di Arezzo
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno