Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:AREZZO21°38°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, l'inseguimento e il furto dell'orologio nell'hotel di lusso
Milano, l'inseguimento e il furto dell'orologio nell'hotel di lusso

Attualità giovedì 04 febbraio 2021 ore 12:29

"Salute e lavoro possono convivere"

Anna Lapini, presidente Confcommercio Toscana

Questo è lo slogan lanciato da Confcommercio Toscana. Anna Lapini lancia anche un appello a tutte le Istituzioni: "Aiutateci a ripartire"



AREZZO — Confcommercio Toscana invita le associazioni provinciali del sistema confederale toscano a collocare sulla facciata delle loro sedi un grande manifesto con la frase "Salute e lavoro possono convivere".

La sede aretina è stata una delle prime ad aderire all'iniziativa.
“Ormai è passato un anno da quando il Covid19 ha fatto irruzione nelle nostre vite stravolgendo tutto, e chissà quanto tempo ancora dovrà passare prima che potremmo dirci davvero fuori dalla pandemia - spiega la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini - e se è vero che la salute deve essere la priorità di tutti, è vero anche che non possiamo fermare le nostre vite in attesa che la tempesta svanisca. Da qui nasce il nostro appello a tutte le istituzioni: aiutateci a ripartire. Siamo disposti a fare tutto ciò che è in nostro potere per aumentare i livelli di sicurezza nelle nostre attività, compreso accettare più regole, ma dobbiamo anche pensare a salvare il futuro delle imprese, dell’occupazione, dell’economia”. 

La presidente dell'Associazione ribadisce la necessità di imparare a convivere con il virus conciliando la salute con il lavoro. "Fa davvero male pensare che mentre la politica nazionale è impegnata a dirimere le controversie interne per arrivare alla piena governabilità del Paese, il Paese reale - quello composto da imprenditori, professionisti, lavoratori, famiglie – continua a pensare al domani con fatica. Stiamo ipotecando il futuro nostro e dei nostri figli. È l’ora di fare qualcosa di più” - incalza Anna Lapini. 

Intanto, per delineare meglio il quadro della situazione tra le imprese del terziario, su incarico di Confcommercio Toscana Format Research sta effettuando un’indagine a livello regionale. A fine febbraio i risultati che permetteranno di capire con l’evidenza dei numeri quanto la crisi scatenata dalla pandemia stia incidendo sul tessuto imprenditoriale di commercio, turismo e servizi.

L’ultimo osservatorio congiunturale, presentato da Confcommercio Toscana nell’ottobre scorso e relativo al terzo trimestre 2020, aveva evidenziato uno scenario "pesante". Mancavano all'appello 1.800 attività nel saldo regionale tra nuove nate-cessate. I consumi erano in calo di ben 12 miliardi di euro (-13,8% rispetto al 2019, peggio della media nazionale), la ripresa della liquidità era ovviamente lontana e sei imprenditori su dieci dichiaravano di avere difficoltà a rispettare le scadenze fiscali, mentre sette su dieci temevano l’aumento del fenomeno usura. A peggiorare lo scenario, le prospettive occupazionali: nel comparto erano già 104mila le assunzioni in meno rispetto al 2019, (-51% solo nel turismo, per lo più a causa del blocco degli stagionali). Con il nuovo osservatorio, Confcommercio Toscana riuscirà quindi ad avere un resoconto definitivo del 2020.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno