Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
All’Eredità su Rai1 la frase di Marco Liorni sull'oro alla Patria fascista: «Gesto patriottico». È polemica

Attualità venerdì 29 luglio 2022 ore 18:10

Targa a Graziella, tra le prime donne poliziotto

Cerimonia nella sala Petri della questura di Arezzo per l'ispettore Borgesi Parolai, entrata in servizio nel 1961, che compie 90 anni



AREZZO — Oggi ricorre il 90° compleanno di Graziella Borgheresi Parolai, una delle prime donne vincitrici del concorso per assistenti della polizia femminile, Corpo istituito con la Legge 20 febbraio 1958 n. 75, nota come “Legge Merlin”.

Il primo concorso fu bandito nel 1961 e, al termine del corso di formazione, le prime donne furono assegnate alle questure italiane dalla fine dello stesso anno. Graziella Borgheresi, frequentò il primo corso di formazione per Assistenti di Polizia di 3^ classe alla Scuola Superiore di Polizia di Roma, dal 1 settembre 1961 e fu assegnata alla questura di Cremona il 25 gennaio 1962.

Il 6 aprile 1964 venne trasferita alla questura di Arezzo e nel 1968 sposò il dottor Mario Parolai, medico chirurgo. L’11 febbraio 1968 venne trasferita a domanda alla Questura di Forlì per seguire il marito che lavorava in quella sede, dove rimarrà sino al 1992, anno del suo pensionamento.

Nel 1972 Graziella partecipò alle operazioni di soccorso per il sisma che colpì la città di Ancona e nel 1980 alle operazioni di soccorso per il sisma che colpì l’Irpinia, prestando servizio per un lungo periodo a Sant’Angelo dei Lombardi (AV).

Nel 1981 nasce la Polizia di Stato, che ingloba le Guardie di P.S., la Polizia femminile e i Funzionari di P.S.; Graziella Borgheresi Parolai viene inquadrata col grado di Ispettore Capo, la più alta qualifica del ruolo degli Ispettori dell’epoca, occupandosi di contrasto al crimine.

La questura di Arezzo e la sezione aretina dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato, allo scopo di poter esprimere la vicinanza dell’amministrazione a chi ha dedicato la propria vita al servizio del Paese e condividere il senso di appartenenza alla grande famiglia della Polizia di Stato, che resta immutato anche dopo il collocamento in congedo, hanno organizzato una cerimonia nella sala “Petri” della Questura, nel corso della quale è stata consegnata una targa ricordo alla collega, alla presenza di rappresentanze di personale in servizio e delle organizzazioni sindacali. L’Ispettore Capo Borgheresi Parolai era accompagnata dai fratelli, dagli amici e dai soci dell’associazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno