Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:AREZZO15°32°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Cultura giovedì 30 marzo 2017 ore 20:44

Un omaggio della pop art italiana ai Beatles

La mostra di Montana, Montuschi e Trombini nel Palazzo della Fraternita dei Laici celebra il cinquantenario di "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band", il disco che cambiò la storia della musica



AREZZO — Dal 1° aprile al 7 maggio 2017 il Palazzo della Fraternita dei Laici di Piazza Grande, ad Arezzo, ospita "It was 50 years ago today", tripla personale di pittura di Carlo Montana, Giancarlo Montuschi e Giuliano Trombini a cura di Marco Botti.

Tre artisti della pop art italiana celebrano i Beatles a 50 anni dall'uscita di "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band", l'album che ha segnato una svolta epocale nella musica e nella cultura giovanile del Novecento.

La mostra, patrocinata da Fraternita dei Laici e Provincia di Arezzo, è resa possibile grazie al contributo di Monnalisa spa, Fondazione Monnalisa onlus, Laura Falcinelli Jewels, Rock Heat Club e Vieri Norina Dischi.

Sabato 1° aprile, alle ore 17, il vernissage alla presenza degli artisti che sarà l’occasione per presentare anche il piccolo catalogo con all’interno le opere, le biografie dei pittori e tutti i partners dell'iniziativa.

"It was 50 years ago today" rimarrà aperta tutti i giorni con orario continuato 10,30/18.

LA MOSTRA

A cinquant’anni dalla sua uscita, “Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band” è più attuale che mai. Dopo aver sdoganato e consacrato il rock come vera e propria forma d'arte, in grado di coesistere e dialogare con la cosiddetta musica “colta”, ancora oggi questo album è indicato come la pietra miliare per eccellenza, il disco che fin dal giorno della sua uscita tutti avrebbero voluto incidere e al quale chiunque – dai gruppi coevi del Beatles fino a quelli che si affacciano oggi sulla scena – in maniera più o meno dichiarata ammette di aver guardato.

Considerato anche dalle classifiche il più importante album di tutti i tempi, “Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band” ha influenzato e seguita a influenzare, a mezzo secolo dalla sua pubblicazione, generazioni di artisti non solo in ambito musicale. Scrittori e poeti si sono lasciati, infatti, suggestionare dagli illimitati spunti letterari, mentre la celebre copertina-collage di Jann Haworth e Peter Blake è considerata un simbolo della pop art, ispirazione irrinunciabile di pittori, disegnatori e illustratori.

Un anniversario così importante, festeggiato nel mondo con tante iniziative, ad Arezzo viene celebrato con la mostra di pittura “It was 50 years ago today”, che dopo aver giocato nel titolo con l’incipit dell’album (It was 20 years ago today…), presenta le opere dedicate ai “Fab Four” di Carlo Montana, Giancarlo Montuschi e Giuliano Trombini, apprezzati artisti del panorama pop e neopop italiano.

La tripla personale trova una location d’eccezione: l’ala dedicata all'arte contemporanea del Palazzo della Fraternita dei Laici. In uno dei luoghi simbolo della città toscana, capolavoro di architettura e fusione mirabile di stili, Montana, Montuschi e Trombini omaggiano un momento irripetibile della storia della musica e del costume, ognuno con il proprio linguaggio, ma tutti e tre ispirati da una band immortale, che continua e continuerà in futuro a essere la colonna sonora di milioni di appassionati in tutto il pianeta, travalicando qualsiasi confine geografico, anagrafico e culturale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'auto si è schiantata contro il rimorchio di un camion che stava uscendo da un'area di servizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

CORONAVIRUS

Sport