Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:AREZZO12°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Motoscafo si infila nel porto di Monte Carlo a tutta velocità, manca due passanti per un soffio

Attualità domenica 01 novembre 2020 ore 10:51

La mascherina e l’arroganza degli stolti

Disavventura vissuta dal sindaco Ghinelli con due ragazzi che non indossavano il dispositivo di protezione



AREZZO — C’è ancora chi pensa di essere su “Scherzi a parte” o di vestire i panni dell’invincibile eroe di turno. Al punto da rispondere in modo sprezzante a chi lo sollecita a indossare la mascherina. Non bastano i numeri del Covid che ad Arezzo avanza a colpi di 60-100 nuovi casi al giorno (come accaduto finora), non bastano gli appelli dei vertici della Asl e dei medici in prima linea del San Donato dove i posti in terapia intensiva sono già esauriti (pure quelli aggiunti nei giorni scorsi), per far rispettare le tre semplici regole che servono a tenere lontano il contagio. C’è ancora chi pensa di fare il proprio comodo, magari a danno degli altri.

E’ successo ieri nella civilissima Arezzo e a incappare nell’episodio che si commenta da solo è stato il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli. Lo ha raccontato direttamente sul suo profilo Facebook: il sindaco rimarca la gravità della situazione ricordando che “oltre alle misure che la politica può individuare e che certamente sono decisive per ritornare ad una situazione di normalità, sono altrettanto dirimenti i comportamenti personali. Questa battaglia non la possiamo vincere se non la affrontiamo tutti insieme, con rigore e responsabilità. Purtroppo sono diffusi, e a questo punto intollerabili, i comportamenti di alcuni singoli che con il loro atteggiamento superficiale mettono in discussione il futuro di tutti”.

E qui la riflessione lascia spazio all’esperienza poco edificante che, suo malgrado, ha vissuto ieri sera: “Poco fa, uscendo dal Comune, ho “ripreso” due ragazzini che erano senza mascherina: la riposta è stata strafottente e arrogante. Sono questi i comportamenti che minano le sicurezze di tutti: se quindi da una parte mi assumo l’onere delle scelte e dei controlli, dall’altra chiedo a tutta la città, e in particolar modo alle famiglie, di diventare protagonisti di una sensibilizzazione civica che possa veramente migliorare i comportamenti di tutti. Le cose da fare restano le solite: mascherina, distanziamento sociale, lavaggio delle mani”. 

E’ così difficile far diventare questi tre semplicissimi gesti uno stile di vita che protegge la nostra vita e quella degli altri? Cosa altro deve succedere perché la gente, tutta e di tutte le età, si comporti nella maniera corretta?

Ghinelli è netto quando dice che si tratta di “tre azioni molto semplici, alla portata di tutti, e che abbiamo il dovere, nel rispetto dei medici, del personale sanitario, di quelle categorie economiche che stanno pagando un duro prezzo alla crisi attuale, di rispettarle e farle rispettare. Ce la faremo, ma solo se tutti a avremo l’intelligenza e il buon senso di remare dalla stessa parte”.

Immagine presa dal profilo Facebook del sindaco

Come se non bastasse, tra i commenti alle parole del sindaco, si aggiunge la foto che parla da sola, postata da Patrizia Nassi. L'operatrice sanitaria mostra a Ghinelli l’immagine di Corso Italia ieri pomeriggio, strapieno di gente, sollecitando provvedimenti più rigorosi contro chi non ha ancora capito che il Covid c’è. 

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno