Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:21 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trento, fischi e striscioni degli ambientalisti contro Salvini. Il ministro: «Voi volete le auto elettriche prodotte in Cina dove bruciano il carbone»

Sport mercoledì 07 luglio 2021 ore 01:00

L'Italia in finale, Arezzo esplode in festa

Gli Azzurri di Mancini superano la Spagna ai rigori, centinaia di persone in strada ad urlare di gioia, domenica la sfida decisiva contro Danimarca o Inghilterra



AREZZO — Arezzo tricolore è scesa in strada ad urlare di gioia poco prima della mezzanotte, quando il rigore di Jorginho ha regalato all'Italia la finalissima di Euro 2020, dopo una partita difficilissima, combattuta fino alla morte e risolta appunto dagli 11 metri.

Era passata solo una manciata di minuti dal tiro decisivo dal dischetto, quando auto strombazzanti, moto e scooter coperti di bandiere tricolori hanno iniziato ad affollarsi nel pieno centro della città, sfrecciando in festa davanti ai portici di via Roma, luogo canonico dei festeggiamenti sportivi di Arezzo. Chi saltava, chi cantava, gente che si abbracciava. Qualcuno in lacrime, i più giovani che potevano per la prima volta sfogare l'adrenalina che solo i successi collettivi regalati dalla Nazionale può mandare in circolo.

Tutta Italia era stata incollata davanti allo schermo per oltre 120 minuti, sognando dopo il vantaggio di Chiesa e ingoiando bile al pareggio di Morata. Soffrendo negli ultimi minuti e per tutti i supplementari, con la Spagna che spingeva e, "ai punti" come si direbbe nella boxe, meritava forse qualcosa in più. Gli Azzurri di Mancini non hanno giocato la loro miglior partita, ma hanno regalato l'ennesimo successo consecutivo e il sogno che durerà fino a domenica notte, quando la vittoria o la sconfitta andranno in archivio. Di nuovo a Wembley, contro la vincente di Danimarca-Inghilterra in programma domani sera, l'Italia proverà a conquistare il secondo titolo europeo della sua storia.

Arezzo sta ancora festeggiando. Davanti ai portici di via Roma si è radunato un vero e proprio esercito di tifosi che ha poi imboccato Corso Italia, percorso cantando a squarciagola l'inno di Mameli. Una gioia collettiva che vuole essere solo l'antipasto, in attesa di quella vera esplosione assoluta che manca dal 2006 e che, per i più giovani, sarebbe una prima volta da incorniciare. Le immagini parlano da sole. Non è solo una vittoria sportiva. Non solo la gioia e l'adrenalina che ne sono diretta conseguenza. È anche la voglia di lasciarsi andare, di buttarsi dietro le spalle 18 mesi terribili che rimarranno nei libri di storia anche ad Arezzo, cancellandoli con una pallonata e una bandiera tricolore in mano, senza voce. Tutti insieme. Tutta Italia.

Giulio Cirinei
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno