Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:23 METEO:AREZZO13°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il fiore cadavere di 8 anni sboccia per la prima volta: il timelapse del raro evento

Attualità venerdì 13 marzo 2015 ore 17:58

Maltempo, in provincia danni per oltre 30 milioni

Raffiche fino a 140 km all'ora hanno lasciato senza luce oltre 35mila utenze Enel, bloccato decine di strade e causato danni ancora da quantificare



PROVINCIA DI AREZZO — Per fare il punto della situazione il presidente della Provincia di Arezzo, Roberto Vasai, insieme al consigliere provinciale delegato Massimo Pacifici e al responsabile della Protezione Civile Nicola Visi, ha incontrato la stampa proprio nella sala operativa del Centro Situazioni, gestito anche in questa occasione di concerto con la Prefettura.

"La prima cosa che mi preme sottolineare è proprio l'importanza di questa collaborazione tra le istituzioni, Prefettura in primo luogo, sulla quale abbiamo basato il nostro modello di protezione civile che, una volta di più, ha dimostrato di saper funzionare al meglio, grazie anche al supporto fondamentale degli oltre 100 volontari che si sono immediatamente attivati - ha esordito Vasai - Siamo di fronte a una delle tante dimostrazioni dei cambiamenti climatici con i quali dovremo fare i conti, e il territorio deve farsi trovare pronto a affrontare e gestire le emergenze". Questa volta comunque dobbiamo fare i conti con un evento la cui eccezionalità è dimostrata dal fatto risulta il più intenso degli ultimi vent'anni, con danni già quantificati per il patrimonio pubblico, e cioè di Comuni, Provincia e Consorzio di Bonifica, che sfiorano i quattro milioni di euro - ha aggiunto Vasai - Oltre la metà di questi riguardano il Comune di Sansepolcro, che è quindi il più colpito, ma gravi danni hanno riportato anche le zone del Pratomagno, in particolare Piandiscò e Castelfranco, e in Valdichiana Cortona e Castiglion Fiorentino. Per ciò che riguarda l'agricoltura da una prima ricognizione dei danni effettuata in base all'osservazione diretta dei territori colpiti e dalle prime segnalazioni dei danni pervenute dalle aziende agricole e dalle organizzazione di categoria è possibile, ad oggi, fornire una stima di massima nell'ordine di circa 9 milioni di euro - ha proseguito Vasai - I danni, in alcuni casi di grave entità come quelli verificatisi in alcune aziende agricole del comune di Sansepolcro, si riferiscono prevalentemente alle strutture aziendali quali fabbricati rurali di abitazione, stalle, fienili, capannoni e cantine danneggiati soprattutto, ma non solo, nelle loro coperture. Danni si registrano anche alle scorte aziendali, alle serre, ai tunnel serra e alle reti antigrandine spazzate via dal vento o gravemente danneggiate. La furia distruttrice del vento impetuoso non ha risparmiato neppure gli impianti arborei da frutto con particolare riferimento al patrimonio olivicolo che, in alcune aree dei comuni dell'alto Valdarno, ha subito notevoli danni per effetto dell'abbattimento di alcune migliaia di piante. Per i danni ai privati e alle attività produttive, invece - ha concluso Vasai- i Comuni hanno già le schede con le quali raccogliere i dati di aziende e cittadini, che dovranno presentare alla Regione, sempre tramite la Provincia, entro il 15 aprile. Da una prima stima, sommaria ed incompleta, effettuata da alcuni Comuni si evidenziano danni superiori ai 23 milioni di euro''.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno