Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 28 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità domenica 08 novembre 2020 ore 12:10

Tamponi ai raggi X, tra molecolare e antigenetico

Come vengono analizzati e in che maniera emerge la presenza del virus. Le indicazioni, a 360 gradi, della Asl sull'esame



AREZZO — Tutti a caccia dei tamponi. Che siano a domicilio, o drive trhough, o il primo, o il secondo. 

Ma come funzionano i tamponi naso faringei? Un esame entrato prepotentemente nel nostro quotidiano. A spiegarlo la Asl Toscana Sud Est.

Viene prelevato un campione delle vie respiratorie del paziente, preferibilmente dalla mucosa naso-faringea, con un lungo bastoncino simile ad un cotton-fioc.

Ed ecco che si entra nel dettaglio tra tipi ed esiti.

Il tampone molecolare viene analizzato attraverso metodi molecolari di real-time RT-PCR (Reverse Transcription-Polymerase Chain Reaction) per l’amplificazione dei geni virali maggiormente espressi durante l’infezione, per la ricerca di RNA virale. E’ il test necessario per la conferma della diagnosi di Covid 19.

Il tampone antigenico è basato, invece, sulla ricerca delle proteine virali (antigeni), i tempi di analisi sono molto brevi (circa 15 minuti), ma la sensibilità e la specificità sono inferiori a quelle del molecolare, quindi le diagnosi di positività ottenute devono essere confermate dal test molecolare.

Ed ecco perché il molecolare viene utilizzato per scopi diagnostici, per conferma di tampone antigenico e per le guarigioni dei casi.

Mentre l’antigenico per screening in ambito scolastico o strutture di ospitalità e al termine delle quarantene dei contatti stretti. 

Quando l’esito del tampone è positivo o rilevato è un caso Covid. Se è negativo o non rilevato non si tratta di un caso, oppure il caso Covid è guarito.

E negli ultimi tempi è entrata frequentemente nel nostro vocabolario anche un'altra espressione: a bassa carica. Si tratta di un esito incerto che deve essere confermato con un successivo tampone molecolare da effettuare entro 24 ore dal primo. 

Da questo momento in poi se il tampone di conferma è negativo il soggetto non è un caso Covid, ma se è positivo il soggetto è un caso Covid e se è ancora a bassa carica, la persona è sempre un caso Covid.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno