Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:AREZZO18°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 12 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video della violenta grandinata che si è abbattuta su Milano: i chicchi danneggiano le carrozzerie delle auto
Il video della violenta grandinata che si è abbattuta su Milano: i chicchi danneggiano le carrozzerie delle auto

Attualità sabato 11 novembre 2023 ore 19:05

Torna il virus sinciziale, bimbi piccoli nel mirino

E' la causa principale della bronchiolite acuta sotto ai 12 mesi. In alcuni casi porta difficoltà respiratorie e richiede anche il ricovero. I sintomi



TOSCANA — Virus sinciziale, con l'autunno sta tornando anche in Toscana. All'ospedale di Arezzo, ad esempio, è stata avviata una sorveglianza attiva su tutti i casi di bambini trattenuti in pronto soccorso o ricoverati in degenza per infezioni respiratorie in collaborazione con l'ospedale Meyer di Firenze, centro di riferimento pediatrico per la Toscana e non solo. Un progetto di ricerca che mira ad intercettare precocemente l'arrivo dell'epidemia e garantire una cura migliore.

“Il virus è una nostra vecchia conoscenza - spiega lo specialista, il dottor Marco Martini direttore della pediatria dell'ospedale di Arezzo - da molti anni, infatti, siamo abituati ad affrontarlo nel periodo autunno inverno e a prevenirne le conseguenze in neonati fragili. I neonati prematuri e cardiopatici da alcuni anni vengono selezionati per ricevere mensilmente un anticorpo monoclonale specifico nei mesi da novembre ad aprile. Il virus è la causa principale della bronchiolite acuta, patologia infiammatoria delle basse vie aeree che colpisce particolarmente i bambini al di sotto dei 12 mesi di vita.

Purtroppo non ne sono esenti i bambini più grandi i quali sono soliti superare la patologia senza sintomi impegnativi diversamente dai più piccoli. L'infezione può essere particolarmente gravosa nei piccoli al di sotto dei 6 mesi potendo causare difficoltà respiratoria e alle volte anche necessità di ricovero. Nella grande maggioranza dei casi il lattante viene contagiato da un fratellino o sorellina più grande che di solito frequenta il nido o la scuola materna. I sintomi sono raffreddore e tosse, in genere senza febbre, ma in grado di contagiare”.

Trattandosi di un virus che contagia prevalentemente per via aerea le misure di prevenzione sono le stesse che riguardano tutti i virus respiratori compreso il Covid: distanziamento, mascherine e lavaggio delle mani. Particolare attenzione deve essere tenuta da quelle famiglie che hanno il bimbi sotto i 12 mesi e altri figli più grandi che frequentano la scuola materna.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno