Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO15°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Attualità domenica 09 luglio 2023 ore 18:45

Salasso spesa, sborsati 480 milioni di euro in più in 5 mesi

carrello della spesa

Nei primi mesi del 2023 ogni famiglia toscana ha speso 290 euro più dell'anno scorso, comprando il 4,7% di cibo in meno. A Grosseto rincari al top



TOSCANA — Spesa più cara e carrello più vuoto: è l'effetto dell'inflazione in Toscana, con Grosseto al top per portata dei rincari e famiglie che in media sul territorio regionale nei primi 5 mesi del 2023 hanno speso 290 euro in più ciascuna e 480 milioni di euro in tutto per portare il piatto in tavola, tagliando però del 4,7% le quantità di prodotti alimentari acquistati a causa dei rincari. 

E se Grosseto è la provincia toscana in cui il peso dell’inflazione ha inciso di più sulle tasche dei nuclei familiari (355 euro in più), Siena segue però a ruota (350 euro) e Livorno dista poco (332 euro). Sopra i 300 euro ci sono anche Massa-Carrara e Pisa. È quanto emerge dall’analisi Coldiretti Toscana su dati Istat relativi al commercio al dettaglio a Maggio, che nei primi 5 mesi del 2023 fa registrare un aumento del 7,3% della spesa alimentare con un taglio degli acquisti in quantità del 4,7%. 

A condizionare lo scenario economico si è inserito anche l’andamento del meteo pazzo: gli eventi estremi, tra siccità e maltempo, hanno colpito duramente le coltivazioni in campo riducendone la disponibilità.

Considerando l’incremento medio dei prezzi dei generi alimentari e delle bevande analcoliche da Gennaio a Maggio dell’anno in corso, i nuclei familiari della Toscana hanno dovuto sborsare complessivamente quasi 480 milioni di euro in più per mettere nel carrello pane, pasta, frutta, verdura, acqua e gli altri beni di prima necessità. 

Il tutto in un contesto in cui una famiglia toscana su 10 arriva con grande difficoltà alla fine del mese mentre quasi 5 su 10 ritengono che la propria situazione economica sia peggiorata nel 2022, secondo l’ultimo rapporto sulla povertà regionale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno