Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:AREZZO16°32°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Spagna, grande squalo martello al largo di Gran Canaria: il filmato del drone

Cultura giovedì 07 settembre 2023 ore 10:27

39° premio Pieve al via il 14 settembre

Il 39° premio pieve Saverio Tutino. "SE SAVERIO FOSSE OGGI" dedicato al fondatore dell’Archivio dei diari nel centesimo anniversario della nascita



VALTIBERINA — Si apre il 14 settembre il 39° Premio Pieve Saverio Tutino. SE SAVERIO FOSSE OGGI dedicato al fondatore dell’Archivio dei diari nel centesimo anniversario della nascita. Quattro giornate, fino al 17 settembre, di libri, incontri, mostre, spettacoli, convegni, anticiperanno le otto opere autobiografiche in finale perl’edizione 2023, a Pieve Santo Stefano, la Città del diario in provincia di Arezzo.

Manifestazione storica dedicata alla cultura della memoria il Premio Pieve è organizzato dall’Archivio Diaristico Nazionale con il prezioso sostegno di numerose istituzioni* e la partecipazione di studiosi, artisti, intellettuali tra cui la direttrice Natalia Cangi, il direttore scientifico Camillo Brezzi, i giornalisti Pier Vittorio Buffa, Annalisa Camilli, Monica D’Onofrio, Sandra Gesualdi, Andrea Montanari, Mario Tedeschini Lalli, Roberto Ferrari, direttore esecutivo del Museo Galileo, e lo storico Alessandro Triulzi, insieme ad amici e volontari vicini all’Archivio fondato da Tutino quasi quarant’anni fa.

Il Premio Città del diario, riconoscimento a personalità della cultura che si sono distinte per il loro lavoro sulla memoria,quest’anno sarà consegnato al giornalista Ezio Mauro mentre con il Tutino Giornalista sarà premiata Giulia Ciancaglini, giovane cronista dell’era digitale.

Per il 39° Premio Pieve sono invece in concorso l’epistolario di Vittoria Cerisola ed Edoardo Guelfi, giovane coppia nell’Italia del secolo scorso, le cinque memorie autobiografiche di Vincenzo Calzia, Ada Maestrale, Maria Anna Rold, Paola Tellaroli, Solange Van Ingen, i due diari di Lino e Ettore Piccinini, otto opere che assieme compongono un affresco esclusivo della Storia d’Italia che abbraccia oltre un secolo: dal 1914 sul confine italo-austriaco, al 2022 in Italia, attraversando Europa, Centro America, Medio Oriente. La cerimonia di annuncio e premiazione dell’opera vincitrice concluderà la manifestazione il 17 settembre e sarà in onda il 18 settembre su Rai Radio3.

Alla figura di Tutino saranno dedicati in particolare la mostra fotografica Caro Saverio a cura di Loretta Veri e Luigi Burroni; la biografia sonora Il testimone di Guido Barbieri per i podcast di Radio3; il convegno Se Saverio fosse oggi, realizzato in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Saverio Tutino, condotto da Camillo Brezzi. Parteciperanno studiosi dai differenti percorsi professionali tra cui l’antropologo Pietro Clemente, Duccio Demetrio, cofondatore della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, Barbara Tutino, artista e figlia di Saverio, gli storici Alessandro Casellato, Antonio Gibelli, e Andrea Mulas, la psicologa Maria Rita Parsi, Michele Di Sivo della Soprintendenza Archivistica Toscana, Elena Pianea, direttrice beni, istituzioni, attività culturali e sport della Regione Toscana; infine lo spettacolo teatrale Gloria y Saverio con Donatella Allegro diretta da Andrea Biagiotti.

Per ricordare Saverio Tutino e la sua rilevanza nel panorama culturale italiano il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha emesso un francobollo commemorativo, appartenente alla serie tematica il Senso civico, stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e distribuito da Poste Italiane, presentatoa Pieve durante il Premio.

Il lavoro di raccolta e catalogazione di documenti autobiografici avviato da Tutino nel 1984 si è presto rivelato una preziosa fonte di ricerca e di indagine per diverse discipline, anche grazie all’applicazione di tecnologie digitali e all’attivazione di collaborazioni con differenti ambiti culturali e artistici. Al Premio si parlerà infatti anche di digital storytelling, dell’evoluzione delle piattaforme, della possibilità di fruizione e implementazione delle informazioni attraverso gli archivi online, in una mattinata che presenterà la Piattaforma Digital Storytelling realizzata per l’Archivio dei diari con il contributo di Fondazione CR Firenze, e le collaborazioni dell’Archivio ai progetti GenerAzione 2030 di cui Regione Toscana è capofila, Premio Barnaba, ITHACA, e Premio Lucia, il concorso annuale dedicato a produzioni podcast e aperto a giovani producer e ai professionisti.

Uno spazio particolarmente articolato è riservato al progetto DIMMI-Diari Multimediali Migranti che vedrà sul palco del Premio Pieve le autrici e gli autori dei concorsi DiMMi per presentare i vincitori dell’ultima edizione, la raccolta delle storie vincitrici dell’edizione 2022 Il diritto di salvarsi, e l’esposizione disegnami2023, traduzione in immagini di pagine migranti che quest’anno vede tra gli illustratori anche un’artista del progetto DIMMI.

È parte di DiMMi anche il racconto di Lilith Le femmine e i cani non possono entrare, tra i diari diventati libri protagonisti delle Tre storie in un mattino, assieme a Un povero deve soffocare l’amore. Memoria di un’infanzia sfruttata di Ado Clocchiatti, vincitore del Premio 2022, e Acqua passata di Massimo Bartoletti Stella.

Il teatro al Premio Pieve celebra inoltre Don Lorenzo Milani e Italo Calvino, rispettivamente al centro dei lavori di Luigi D’Elia e Mario Perrotta, autori, registi e interpreti delle due pièce.

Rievocano vite e ricordi anche le tre installazioni dell’esposizione Le custodi della memoria, di Elena Merendelli e a cura di Matilde Puleo,e la storica mostra curata da Cristina Cangi Il tesoro dell’Archivio dove il pubblico potrà ammirare alcune pagine dei manoscritti più belli custoditi a Pieve Santo Stefano.

I Premi speciali per il miglior manoscritto originale -attribuito all’epistolario Mosaico d’amore di fine ‘800 (1895-1900) di Luigi Sandulli e Antonetta Tranfaglia- e Giuseppe Bartolomei -attribuito alla memoria Papà, la bandiera! (1911-1952) di Piero Modigliani- saranno consegnati agli eredi dei vincitori al termine dell’incontro della Commissione di lettura con i diaristi della lista d’onore, sette autori di memorie degne di nota ma non entrate in finale (Anonima, Giovanna Benfratelli, Vittorina Daffieno, Sergio Farotto e Luca, E.G., Elisabetta Giovetti, Franco Tantardini).

*Il Premio Pieve 2023 è organizzato dall’Archivio Diaristico Nazionale con il sostegno di:

Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comitato per le celebrazioni del centenario della nascita di Saverio Tutino, Banca di Anghiari e Stia, Fondazione CR Firenze, Camera di Commercio di Arezzo e Siena, Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, L.A. Sistemi, TCA SpA, Tratos Cavi, Residenza Villa Tosca, Società Riolo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno