Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:AREZZO18°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Attualità lunedì 19 luglio 2021 ore 12:45

All'Anfiteatro il Concerto per l'Autismo 2021

Sabato 21 agosto il programma di brani classici, della tradizione contemporanea e a cantanti e cantori tertimoni della cultura italiana nel mondo



AREZZO — Torna anche nel 2021 il 'Concerto per l'Autismo', inserito nel programma di 'Anfiteatro sotto le stelle' e presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa che ha avuto luogo all'interno della Sala delle Ceramiche del Museo Archeologico di Arezzo. L'appuntamento è fissato per sabato 21 agosto e vedrà in scena 'Concerto Italiano', una produzione originale a cura di Spazio Seme con Gianni Bruschi e musicisti professionisti.

Lo spettacolo, che si inserisce nel cartellone estivo 'Anfiteatro sotto le stelle' grazie al Comune di Arezzo, alla Fondazione Guido d’Arezzo e alla Direzione regionale Musei della Toscana, vede la collaborazione del Festival de Musique Synphonique della città di El Jem in Tunisia ospitato nel grande Anfiteatro romano patrimonio Unesco, di OIDA Orchestra InStabile di Arezzo e di CLEA Community Leaving Education (progetto Erasmus+ cofinanziato dall’Unione Europea).

Il repertorio in programma comprende brani classici della tradizione contemporanea e brani ispirati agli ultimi cantanti e cantori testimoni diretti della cultura popolare italiana nel mondo. Gianni Bruschi alla voce sarà accompagnato da musicisti di spicco del panorama musicale italiano: Lorenzo Rossi primo violino e fondatore dell’Orchestra In-Stabile di Arezzo (www.oidarezzo.it), Marna Fumarola Leader del gruppo Euphoria Quartet, Luca Rossi percussionista ed esponente della cultura popolare campana e mediterranea, Ivan Elefante trombettista, Elisa Pieschi viola dell’Orchestra Oida, Marco Lazzeri pianista e collaboratore di Gianni Bruschi nel progetto Mosaico Mediterraneo, Francesco Sarrini contrabbasso, Erika Capanni viola e Lorenzo Nocentini batteria. Con la partecipazione di Francesco Botti (narrazione) Consuelo Pacheco Saèz e Leonardo Lambruschini (danza).

“Grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, della direzione del Museo Archeologico e della Fondazione Guido d’Arezzo - dichiara il presidente dell’Associazione Autismo Arezzo Andrea Laurenzi - siamo in grado anche questa estate di proporre un evento di alto profilo. Sarà uno spettacolo straordinario dove ai temi della musica e della bellezza italiana si abbineranno quelli dell’autismo e dei diritti delle persone più fragili. Un progetto che per realizzarsi ha visto assieme tante persone e tante aziende che dimostrano ancora una volta la forza dell’unione della civiltà, contrapposta agli egoismi e ai personalismi dei nostri tempi attuali”.

“Concerto Italiano nasce ad Arezzo, al fine di celebrare la canzone classica, Jazz, popolare italiana con sonorità etniche – ha dichiarato Gianni Bruschi di Spazio Seme - gran parte delle composizioni sono state ideate e prodotte nel 2020, durante il lockdown in Italia da me e Ivan Elefante. Nell’emergenza mondiale il distanziamento fisico ha portato a interrogarci sul concetto di distanza e vicinanza e su quanto possiamo sentirci vicini e uniti anche nella lontananza. L’amore per la cultura di provenienza in una situazione delicata, avvertito in ogni paese del mondo, ha creato l’occasione affinché musicisti che operano su settori diversi (classica, jazz, popolare) si incontrassero per celebrare il senso di unità e ripartire dalla creazione musicale. E’ nata così l’idea di collaborare attraverso arrangiamenti mirati che prevedono stili diversi”.

Molto soddisfatto dell'evento in programma anche il consigliere Fabrizio Ferrari, che ha partecipato alla conferenza stampa sottolineando quanto sia importante la vicinanza dell'amministrazione comunale in occasioni di questo genere, soprattutto per il carattere sociale dell'iniziativa.

"Siamo entusiasti anche della collaborazione del Festival di Musica Sinfonica di Eljem e ci auguriamo che questa iniziativa possa avviare un positivo dialogo fra il nostro Anfiteatro aretino e quello tunisino, ben più imponente e noto" – ha commentato Maria Gatto, direttore del Museo Archeologico Nazionale e dell'Anfiteatro romano di Arezzo.

"C'è una cultura dell'inclusione e della solidarietà - dichiara il direttore della Fondazione Guido D’Arezzo, Lorenzo Cinatti - che è connaturata naturalmente con il mondo dello spettacolo, in quanto sfera delle emozioni e della conoscenza. Come Fondazione Guido d'Arezzo siamo onorati di poter ospitare gratuitamente nel nostro cartellone un evento che ha finalità che vanno ben oltre la prospettiva del palcoscenico per abbracciare dimensioni che non conosciamo e dalle quali non possiamo che imparare". 

Andrea Laurenzi parla del prossimo Concerto per l'Autismo ad Arezzo
Gianni Bruschi spiega il programma del Concerto per l'Autismo di Arezzo
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente intorno alle 7. Sul posto i sanitari del 118 ma non c'è stato nulla da fare. La vittima non ancora identificata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità