Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Attualità venerdì 24 aprile 2020 ore 14:19

Apertura-chiusure aziende, in tre mesi 230 in meno

Il peggior dato degli ultimi 10 anni. Costruzione, industria tessile i più penalizzati. Ecco lo studio della Camera di Commercio



AREZZO — L'industria aretina rallenta. L'effetto Covid sta sicuramente condizionando tutte le realtà produttive cittadine.

Nei primi tre mesi del 2020 nel territorio della provincia di Arezzo si è registrato un saldo negativo fra iscrizioni e cessazioni di 230 imprese. Il saldo è particolarmente critico, uno dei peggiori degli ultimi dieci anni e rispetto al 2019 (-202 imprese) si ha un peggioramento di 18 imprese.

In base ad uno studio di Camera di Commercio si nota che sono in netto calo sia le iscrizioni (-16,5%) che, in misura minore, le cessazioni (-9,5%). Tra gennaio e marzo si registrano 561 nuove aperture, a fronte di 672 dello stesso trimestre dell’anno precedente, e 791 chiusure contro le 874 del 2019.

“Il bilancio della nati-mortalità delle imprese tra gennaio e marzo – evidenzia  Marco Randellini, Segretario Generale della Camera di Commercio di Arezzo -Siena- è condizionato dalle abituali chiusure comunicate sul finire dell’anno precedente alle quali però , per questo 2020, si vanno ad aggiungere gli effetti delle restrizioni seguite all'emergenza Covid-19 e dello stato di eccezionalità in cui l'economia reale si sta muovendo in questo periodo. Se ci concentriamo sul mese di marzo siamo in grado di cogliere le prime ripercussioni prodotte dall’emergenza sanitaria: vediamo infatti che, più che condizionare il dato le chiusure aziendali, che anzi diminuiscono, sembra esserci stato un effetto scoraggiamento per quanto riguarda le nuove iscrizioni (65 in meno rispetto al marzo 2019). Pur nella sua provvisorietà appare invece positivo il dato che vede un aumento del numero degli addetti, che superano le 120.000 unità, soprattutto nel manifatturiero ed in particolare nel settore della gioielleria ed oreficeria. L’auspicio è che, grazie anche ai vari interventi a sostegno della liquidità aziendale e di supporto alle Pmi, il sistema imprenditoriale possa recuperare, il più rapidamente possibile, i livelli di operatività e di fatturato pre Covid-19 e mantenere i livelli occupazionali raggiunti.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno