Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:AREZZO10°22°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trento, fischi e striscioni degli ambientalisti contro Salvini. Il ministro: «Voi volete le auto elettriche prodotte in Cina dove bruciano il carbone»

Attualità mercoledì 29 luglio 2020 ore 11:14

Borse solidali della spesa

E' un'iniziativa di Fap -Acli per le famiglie in difficoltà individuate dai Servizi Sociali del Comune



AREZZO — “Una mano per la spesa” è il nome del progetto promosso dalla Fap - Federazione Anziani e Pensionati delle Acli con Coldiretti Arezzo e con i servizi sociali del Comune di Arezzo. Si concretizzerà nella consegna di generi alimentari a persone e famiglie in difficoltà economica. 

La recente emergenza sanitaria ha infatti acuito i bisogni di numerosi cittadini. La Fap-Acli di Arezzo, coordinata dal segretario provinciale Angiolo Chini, ha così previsto uno stanziamento di circa 2.500 euro per attivare questo progetto

"L’iniziativa - spiega l’aretino Paolo Formelli, vicesegretario nazionale della Fap-Acli, - è stata attivata dalla Fap-Acli a livello nazionale ed è stata poi declinata sui singoli territori in relazione alle effettive situazioni di bisogno, in collaborazione con associazioni e istituzioni locali. Siamo felici di esser stati fautori di un progetto che fornirà un aiuto reale a persone e famiglie che, già in difficoltà, sono state messe ancor di più alla prova dal Covid19".

Il Comune di Arezzo, attraverso l’assessore alle politiche sociali Lucia Tanti, ha contributo all’individuazione delle situazioni di oggettiva difficoltà economica: i servizi sociali, infatti, hanno indicato cinquanta persone e famiglie a cui sarà fornito supporto con la consegna delle borse della spesa. 

"Il nostro ringraziamento va alla Fap-Acli - aggiunge l’assessore Tanti - per averci proposto questo progetto a cui abbiamo aderito con entusiasmo. I servizi sociali del Comune sono sempre pronti a collaborare con il terzo settore e il privato sociale, “corpi intermedi” che costituiscono vere e proprie antenne sul territorio, svolgendo una funzione di coesione e supporto che aumenta le capacità di interazione e di risposta alle situazioni di bisogno".

La fornitura dei prodotti è stata affidata a Coldiretti Arezzo che si è occupata della creazione delle cinquanta buste, ognuna dal valore di 50 euro, con frutta, verdura e altri prodotti delle aziende del territorio, favorendo così un’alimentazione a chilometro zero e di qualità. La consegna sarà effettuata a partire da oggi, mercoledì 29 luglio, grazie al contributo dei volontari della Misericordia. 

"Quando le Acli ci hanno contattato, ci siamo subito attivati per collaborare insieme fattivamente a questo progetto - commenta Lidia Castellucci, presidente di Coldiretti Arezzo - e ci teniamo a far partire il nostro sostegno proprio dalla sede del mercato di Campagna Amica di piazza Giotto, uno dei due mercati che abbiamo settimanalmente in città, insieme a quello di via Spallanzani. I nostri mercati in questi ultimi mesi hanno risposto con una voce univoca alle difficoltà che siamo stati chiamati a fronteggiare, e la voce è stata ed è quella della solidarietà che porta ancora Arezzo ad essere eccellenza nel suo saper fare rete. Nelle buste di “Una mano per la spesa” tutti prodotti locali, stagionali e a chilometro zero delle nostre aziende agricole, che non devono percorrere grandi distanze prima di giungere a destinazione e sono quindi più freschi". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno