Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:59 METEO:AREZZO16°31°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Attualità sabato 20 marzo 2021 ore 10:33

Così è nata la cooperazione sociale ad Arezzo

La storia di Fernanda Minucci, in pensione da pochi giorni. E' stata la fondatrice di Sodiser, la prima realtà locale di questo ambito



AREZZO — Negli anni in cui iniziò a lavorare, la cooperazione sociale non esisteva nemmeno. E lei contribuì a crearla ad Arezzo. Quando è andata in pensione, nei giorni scorsi, la cooperativa Sodiser che aveva promosso è ormai entrata a far parte di Betadue, una delle maggiori cooperative sociali di tipo B in Toscana.

Lei si chiama Fernanda Minucci ed è il simbolo della storia di questo settore in provincia di Arezzo. La data d'avvio è il 1986. Fernanda Minucci lavorava nel Dipartimento di salute mentale occupandosi del coordinamento dei soggetti svantaggiati impegnati nei tirocini per agli inserimenti lavorativi. "Sodiser nacque per dare la possibilità e la dignità del lavoro alle persone più fragili, iniziando dai corsi di cucito e da altre attività. Fu la prima società di fatto e poi cooperativa sociale nel 1986, appena la legge ne consentì la formazione fu la prima cooperativa sociale nella provincia di Arezzo".

Minucci divenne Presidente di Sodiser nel 1998 e lo è rimasta fino al 2018 quando è confluita in Betadue. Ed è stata protagonista anche della nascita di Coob nel 2004, consorzio di cooperative sociali di tipo B di cui fu Presidente per 6 anni e che oggi è uno dei maggior consorzi di questo tipo nell'Italia centrale.

Cosa è cambiato negli anni? "Si è affermata la logica del massimo ribasso nella gare pubbliche e le piccole cooperative che si occupano realmente degli inserimenti dei soggetti svantaggiati, hanno avuto molte difficoltà - sottolinea ancora Minucci. Il passaggio dalle gare riservate a quelle europee è stato un salto eccessivo in grado di compromettere i progetti d'inserimento lavorativo delle persone più fragili". La cooperazione sociale di tipo B è comunque cresciuta nonostante un contesto generale avverso. "C'è molta disattenzione verso le persone svantaggiate. Non c'è più nemmeno grande comprensione e prevalgono individualismo ed egoismo. La nostra risposta è stata quella opposta: solidarietà e aggregazione.

In questo contesto nasce l'idea della fusione tra Sodiser e Betadue. "La ragione è la condivisione dei valori di appartenenza". "I giovani soci non la perderanno - chiosa Gabriele Mecheri, Presidente di Betadue. Storie come quella di Fernanda ci rendono orgogliosi di appartenere alla cooperazione sociale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno