Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:AREZZO16°21°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Attualità sabato 02 maggio 2020 ore 22:45

Diatriba Hospice, per D'urso torna al San Donato

Il direttore generale Asl replica all'assessore Tanti e ribadisce che la struttura delle cure palliative verrà potenziata ma nella palazzina Calcit



AREZZO — Giornata contraddistinta dalle schermaglie tra Asl e Amministrazione comunale.

Sindaco e assessore affondano e puntualmente il direttore generale "para" e risponde. 

Dopo aver replicato a Ghinelli sulla condivisione di programmare insieme la Fase 2 della sanità aretina, Antonio D'Urso "tranquillizza" Lucia Tanti sul futuro dell'Hospice.

"Non ci saranno né spostamenti né ridimensionamenti. L'Hospice tornerà nella palazzina Calcit e l'intenzione della Direzione Asl non è di ridimensionare la struttura ma, se possibile, di potenziarla. I tempi del ritorno sono connessi all'attenuarsi dell'emergenza Covid ma l'esito finale di questo processo è certo"

Il direttore generale Asl ribadisce il proposito di discutere e approfondire con il Comune ogni fase del progetto di riorganizzazione del San Donato e dei servizi territoriali.
"Ovviamente nel rispetto dei ruoli, delle competenze e delle leggi in base alle quali non ci saranno, e cito una frase dell'assessore - afferma D'Urso - soggetti istituzionali seppure autorevoli che detteranno la "linea".

Infine replica secca anche in merito al mancato coinvolgimento di Siena lamentato da Lucia Tanti nella gestione dell'organizzazione ospedaliera dei malati Covid.

"Vorrei comunicare all'assessora Tanti che non corrisponde al vero l'affermazione che Siena non abbia una struttura Covid. L'Azienda ospedaliera Universitaria senese - conclude D'Urso - si è dotata dei posti letto necessari alle esigenze della zona di riferimento. E lo ha fatto seguendo, come gli altri ospedali Covid toscani, la programmazione della Regione Toscana".

Intanto in serata il sindaco Ghinelli ha scritto un'altra lettera alla Asl, informando anche Prefetto e governatore della Toscana, per ottenere il dato esatto dei positivi, dei tamponi eseguiti e di quelli esaminati giornalmente. Lo scopo è quello di poter avere un quadro esatto dello stato del contagio al fine di poter gestire al meglio la Fase 2.

Insomma, la schermaglia tra Amministrazione cittadina e Asl è destinata a continuare e al posto del fioretto si stanno già affilando le sciabole.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno