Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:04 METEO:AREZZO11°20°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 21 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sorrentino: «Parthenope? Il miracolo della giovinezza»

Attualità domenica 07 marzo 2021 ore 16:00

Farnetani, "andrebbero chiusi anche asili e nidi"

Il pediatra analizza i massicci spostamenti con le scuole aperte: terreno fertile per la diffusione del Covid. "Lo stop è un'esigenza di prevenzione"



AREZZO — "La chiusura delle scuole? Non è una scelta di politica sanitaria, ma un'esigenza di prevenzione" contro il Covid. "Ho realizzato per Adnkronos Salute una valutazione sulla base dei dati Istat, e quello che emerge è che quando le scuole sono tutte aperte in Italia si spostano al momento dell'ingresso, fra alunni, adulti che li accompagnano, personale docente e personale Ata, 20 milioni di persone e altrettante si spostano al momento dell'uscita, cioè un italiano su tre. Un vero esodo di massa". Ad intervenire, sull'agenzia di stampa, ancora il pediatra aretino Italo Farnetani, che invita a riflettere su quella che definisce una "bomba epidemica".

L'esperto, docente della Libera Università Ludes di Malta, entra nel dibattito riaccesosi a seguito delle indicazioni sulla Dad (Didattica a distanza, ndr) contenute nell'ultimo Dpcm e alle scelte di chiudere le scuole, in alcune zone. Come tra l'altro anche ad Arezzo, con l'insegnamento in presenza sospeso per Elementari, Medie e Superiori ad esclusione di Nidi e Materne. 
Una misura necessaria per Farnetani, alla luce dei numeri che descrivono una larga parte del Paese in movimento negli orari di punta a ridosso dell'inizio e della fine della giornata scolastica. "Un così alto numero di persone che si spostano rappresenta un facile bersaglio per Sars-Cov-2 e soprattutto per la variante inglese", insiste il medico.

Poi termina "è giusto chiudere le scuole, ma bisogna proteggere anche i 2,7 milioni di under 6, che potrebbero essere il prossimo bersaglio. Perciò andrebbero chiusi anche asili e nidi". Ed a questo proposito Farnetani lancia anche un appello ai genitori, invitandoli a esercitare forme di "prevenzione individuale" e a "tenere anche i bimbi più piccoli a casa. Per un po' meglio una passeggiata all'aria aperta e niente asilo. Più che al parco dove il distanziamento dagli altri bambini è a rischio, scegliamo di portarli in bicicletta. A chi può consiglio l'equitazione, perché c'è anche il contatto con un altro essere vivente, importante in questo periodo di forzato isolamento".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno