Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Scurati, Landini: «Oscurato monologo sul 25 Aprile, questo è regime»

Giostra Saracino mercoledì 11 maggio 2022 ore 13:10

Giostra, chi sono i volti nuovi di giugno

Salvicchi nel ruolo di maestro di campo, Casini e Gavagni capitani all’esordio. Montini con Marmorini. Attesa per la coppia di Porta del Foro



AREZZO — Sembra lontano ma non è così. Manca un mese al primo squillo di chiarine e rullo di tamburo, quando l’Araldo chiamerà prima il maestro di campo e poi i capitani dei quartieri davanti al sindaco della città a prestare giuramento “…di correr Giostra nel pieno e leale rispetto delle regole cavalleresche che la governano, osservando gli ordini del maestro di campo”.

I protagonisti della cerimonia di estrazione delle carriere saranno alcune novità assolute della prima edizione 2022 della Giostra del Saracino in programma il 18 giugno. Ferdinando Lisandrelli è sceso di sella e ha consegnato lo scettro di comando, al suo posto la Magistratura della Giostra, come sappiamo, ha promosso i suoi vice Carlo Umberto Salvicchi e Fabio Butali.

Salvicchi farà l’esordio a giugno per poi lasciare lo scettro al suo collega a settembre. E ci saranno anche altri due esordi in ruoli fondamentali per il Saracino. Andrea Gavagni e Lorenzo Casini guideranno in piazza, rispettivamente, il quartiere di Porta Sant’Andrea e Porta del Foro per la prima volta. Il voto che si è tenuto a gennaio nei quartieri, dopo la proroga di un anno, ha cambiato parzialmente gli assetti. I due neo capitàni sono le uniche novità tra le massime cariche dove i rettori sono stati tutti confermati a furor di popolo insieme a due capitani Geppetti e Branchi rimasti saldamente in sella alla guida tecnica dei propri colori.

Le novità non finiscono qui, perché anche tra i protagonisti assoluti, i giostratori, ce ne sono. Porta Sant’Andrea dopo il ritiro del re della piazza Enrico Vedovini, ha proseguito nella continuità del lavoro fatto, che da decenni ha sempre premiato il quartiere di via delle Gagliarde, con la politica di far esordire i giostratori dalla cantera delle scuderie “Franco Ricci” dove escono cavalieri che si rivelano vincenti per le sorti del quartiere. L’epoca del dopo Vedovini va in questa direzione e il sodalizio ha fatto ricadere la scelta su Saverio Montini. Classe 1998, Montini ha disputato sei prove generali in piazza Grande conquistando l’edizione del giugno 2019.

Montini affiancherà Marmorini che, nonostante la giovane età, sarà il veterano e leader della coppia avendo già assaporato la vittoria e ha due centri colpiti già all’attivo dopo 5 tiri. L’eredità non sarà facile, ma le qualità equestri di Montini abbinate alle doti giostresche sulla carta possono far sognare.

All’appello manca però un quartiere, quello giallo cremisi di Porta del Foro, che non ha ancora ufficializzato la coppia. Il nuovo capitano si è preso tutto il tempo necessario per decidere con calma chi dei tre giostratori mandare allo scontro contro il buratto. Davide Parsi sembra essere il punto fermo, il ballottaggio per l’altro posto se lo giocano Gabriele Innocenti e Francesco Rossi. Entro la prossima settimana la scelta sarà fatta, così le coppie saranno ufficializzate e pronte alla sfida al re delle Indie.

Paolo Nocentini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno