Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:22 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cinema, addio a Paolo Taviani

Attualità sabato 15 ottobre 2022 ore 08:35

Il Cinema Eden rischia di chiudere

La storica sala nel centro cittadino pressata da costi troppo alti e incassi dimezzati. E tenta il tutto per tutto chiedendo aiuto agli aretini



AREZZO — Se, come disse Jean Cocteau, “Il cinema è la scrittura moderna il cui inchiostro è la luce”, Arezzo rischia di rimanere senza carta o, se vogliamo, di assistere alla chiusura definitiva dell’unico foglio dedicato alla scrittura cinematografica in centro storico, il Cinema Eden, con un lungo rapporto con Arezzo e le sue generazioni. Per molti, tra i quali lo staff di Officine della Cultura da un decennio gestore delle sale dell’Eden, più un diario che un semplice quaderno di sogni proiettati sulla tela.

I dati, d’altronde, raccontano una crisi del cinema, deflagrata con la pandemia, che va ben oltre Arezzo. 

Se ne è parlato giovedì 12 ottobre all’Eden in un evento in stile flash mob che ha lasciato il pubblico sorpreso e spiazzato. La proiezione gratuita di un film a sorpresa, con l’invito alla cittadinanza a partecipare, si è infatti rivelata essere la proiezione di una scritta che non offre margini di dubbio: “L’Eden sta chiudendo. E ora? Non ci resta che piangere”.

Massimo Ferri, Presidente di Officine della Cultura, così racconta la situazione attuale del Cinema Eden: "I dati parlano chiaro: il Cinema Eden è in difficoltà. Nonostante i ristori, il tempo della pandemia e dell’attuale crisi dei prezzi energetici, nonché la trasformazione delle abitudini connesse al tempo libero ma anche la politica legata alla distribuzione delle pellicole cinematografiche, fanno sì che gli incassi legati agli ingressi al Cinema Eden, solo parlando dei primi 8 mesi del 2022, siano inferiori di ben oltre il 50% rispetto a quelli del 2019, il primo anno con cui possiamo fare un paragone senza farci prendere dai brividi. Nonostante la curva negativa, finora abbiamo cercato di mantenere alto l’impegno della nostra cooperativa nei confronti dei cinefili della nostra città, di chi ama avere uno spazio in centro storico dedicato al cinema e alla cultura di qualità, delle tante associazioni culturali cittadine che scelgono l’Eden per presentare i propri progetti, nonché di chi ci lavora. Purtroppo con la stagione invernale alle porte non possiamo più permettercelo".

La soluzione economicamente più efficace, data la situazione, è presto detta: chiusura del Cinema Eden e disdetta del contratto di affitto con Carlo Mazzi, proprietario dell’immobile. Ma Officine della Cultura non intende rinunciare ad un presidio culturale così necessario senza aver tentato tutte le strade.

A raccontare il nuovo progetto è dunque Michele Squillace, lavoratore dell’Eden: "A breve Officine della Cultura lancerà una campagna crowdfunding sul sito Produzionidalbasso.com dal titolo “Non ci resta che piangere” per reperire le risorse necessarie per continuare la programmazione del Cinema Eden".

La città intera sarà dunque chiamata, in tempi brevi, a prendere posizione nei confronti del proprio Cinema, se staccare o meno la luce all’unica stella del cinema d’essai rimasta in città. Con la consapevolezza di un’eventuale perdita enorme, in termini non solo culturali ma anche e soprattutto sociali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno