Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:AREZZO-0°10°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 30 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
I consigli estetici di De Luca a Bonaccini: «Lo voto, ma spunti quella barba e si tolga gli occhiali a goccia»

Attualità martedì 06 dicembre 2022 ore 10:25

L'abbraccio di Rondine al nuovo vescovo Andrea

Visita di monsignor Migliavacca ad una settimana dall'insediamento alla cittadella della pace "un momento che porterò nel cuore"



AREZZO — E' trascorsa una settimana dal suo insediamento e il nuovo Vescovo di Arezzo-Corona-Sansepolcro, Monsignor Andrea Migliavacca ha deciso incontrare da vicino l’associazione di Rondine Cittadella della Pace.

“L'incontro con Rondine, tra le prime visite in Diocesi, è stato un momento che porterò nel cuore. È un lavoro prezioso quello che viene fatto. Si tratta di una visita voluta, per rendermi presente, incontrare e iniziare a conoscere questa Chiesa. Rondine è una delle realtà tesoro della diocesi di cui avevo sentito parlare anche in seno alla Conferenza Episcopale Italiana”.

Queste le parole del Vescovo Migliavacca che ha visitato i luoghi simbolo della Cittadella accompagnato dai giovani della World House, giovani provenienti da luoghi di guerra che accolgono la sfida di convivere con il “nemico” e formarsi come futuri leader e ambasciatori di pace. Dal “Monumento delle rondini” che traccia le radici spirituali della Cittadella, all’ingresso dell’Arena di Janine con le iconiche parole di Liliana Segre “Ho scelto la vita e sono diventata libera” fino alla scuola dove ha salutato i ragazzi del Quarto Anno Rondine, liceali di tutta Italia che hanno l’opportunità di trascorrere un anno di scuola nella Cittadella della Pace e formarsi come cittadini attivi per rigenerare con il loro impegno anche le comunità locali di tutta la penisola.

“All'arrivo ho vissuto una sensazione di calorosa accoglienza, a partire dalla natura con i colori di un tramonto eccezionali, riflessi nelle chiome degli alberi – continua il Vescovo – mi hanno dato la sensazione di un abbraccio a cui si è aggiunto quello di Franco Vaccari e dei giovani che provengono da luoghi in conflitto fra loro e che qui sperimentano la fraternità. È stata una scoperta, come essere accompagnato a entrare in una famiglia, con sogni, fatiche e progetti. Molto bella è stata questa accoglienza che mi ha dato la percezione di come i sogni si possono realizzare”.

Ad accogliere Monsignor Andrea Migliavacca, anche i partecipanti alla seconda edizione del progetto Mediterraneo Frontiera di Pace che dopo un anno a Rondine torneranno nelle loro comunità per sviluppare progetti di impatto nei loro territori e rafforzare il network di giovani di tutti il Mediterraneo che lavorano per la coesione sociale.

“Ciò che si vede qui non è solo frutto di programmazione o strategia, ma intuizioni, che condividendole si realizzano e ci portano dentro un progetto”. Conclude il vescovo Migliavacca. “In questi primi momenti di conoscenza della diocesi sto vedendo da vicino le ricchezze di questa terra e di questa gente. I semi di spiritualità, vita e umanità che ci sono nella nostra Chiesa mi fa sentire pastore di una comunità non meritata e da custodire in tutta la sua ricchezza”.

“Una sorpresa e una gioia ricevere la visita del vescovo Andrea ma anche una spinta e un incoraggiamento ad andare avanti nel nostro impegno” ha commentato il presidente di Rondine, Franco Vaccari.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno