Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO10°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Benigni a Papa Francesco: «Andiamo insieme alle prossime elezioni, facciamo il campo largo. Vinciamo subito»

Politica martedì 23 aprile 2024 ore 20:27

Nuovo manto stradale per via Calamandrei

Modifiche al piano triennale: previsti 1.900.000 euro per l’asfaltatura di via Calamandrei e 750.000 per manutenzione ordinaria dei manti stradali



AREZZO — Con le modifiche al piano triennale delle opere pubbliche approvato dal Consiglio Comunale con 18 voti favorevoli e 7 contrari sono previsti 1.900.000 euro per l’asfaltatura di via Calamandrei e 750.000 euro per altri lavori di manutenzione ordinaria dei manti stradali. La messa in sicurezza e la procedura di spesa, pari a 262.000 euro, per il ponte che collega Buon Riposo a Castelluccio saranno regolati da una convenzione tra i Comuni di Arezzo e Capolona. La rotatoria di via Chiarini sarà finanziata non più con fondi ministeriali ma con l’alienazione di beni.

Da alcuni giorni, è lo stesso palazzo comunale a essere oggetto di lavori urgenti di manutenzione. Si tratta della messa in sicurezza delle decorazioni delle finestre, degli stemmi e degli elementi lapidei in arenaria e travertino della facciata principale e di quella lungo via Ricasoli.

Tra le pratiche finanziarie, il rendiconto del 2023 è stato approvato con 19 voti favorevoli e 7 contrari. Le principali entrate registrate sono quelle tributarie e tra queste l’Imu fa la parte del leone con oltre 28 milioni di euro mentre l’addizionale Irpef raggiunge 8.258.000 euro. Le entrate extratributarie rilevano per 19.880.000 euro, i trasferimenti correnti per 8.584.000 euro, i dividendi distribuiti dalle società partecipate per 2.101.000 euro. Le voci maggiori di spesa corrente sono il personale, il servizio di smaltimento dei rifiuti, le opere pubbliche e il sociale. Tra i residui attivi la Tari non pagata costituisce la quota principale, seguita dalle multe derivanti dalle violazioni al codice della strada.

Approvata dal Consiglio Comunale con 20 voti favorevoli e 5 contrari anche la variazione di bilancio che destina una parte dell’avanzo vincolato, per una quota di oltre 9.000.000 di euro, principalmente alla manutenzione stradale, al rinnovo delle telecamere che registrano gli accessi e le uscite dalla ztl, al ponte sull’Arno tra Buon Riposo e Castelluccio, alla manutenzione straordinaria di via Calamandrei, al sociale e alla scuola. L’incasso derivante dalla vendita di palazzo Carbonati sarà destinato ai lavori di realizzazione della rotatoria di via Chiarini. La variazione adegua i capitoli e le previsioni di entrata dell’imposta di soggiorno il cui gettito servirà in parte a finanziare le attività della Fondazione Arezzo InTour e i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Per quanto riguarda le tariffe Tari, sulla base dell’ultimo piano economico-finanziario approvato dall’assemblea di Ato Toscana sud il costo per il Comune di Arezzo è pari a 21.597.000 euro, pari a un più 4,6% rispetto all’anno scorso. Tale incremento medio viene riprodotto in maniera sostanzialmente omogenea sia sulle utenze domestiche che su quelle non domestiche. Gli effetti saranno visibili negli inviti di pagamento a saldo da corrispondere entro il 2 dicembre. Quelli in fase di recapito, scadenza 30 aprile, si riferiscono invece all’acconto 2024 calcolato sulle tariffe del 2023.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno