Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:AREZZO18°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»

Attualità mercoledì 09 febbraio 2022 ore 14:40

Caso green pass, piscina pronta alla riapertura

La Chimera Nuoto controllerà la certificazione verde. Attività di nuovo al via probabilmente da lunedì, c'è già l'ordinanza



AREZZO — L'assessore Scapecchi lo aveva già anticipato nei giorni scorsi, senza nascondere l'ottimismo per una soluzione a stretto giro. E così è stato.

Il Palazzetto del Nuoto riaprirà i battenti. Grazie ad una nuova ordinanza del sindaco Ghinelli che integra quella precedente con cui ne aveva, invece, imposto la chiusura, dopo aver sentito il parere della Asl, dato che il gestore si è sempre rifiutato di chiedere il green pass per accedere alla struttura. Posizione di contrarietà che non ha mai cambiato.

Questa mattina l’annuncio nel corso di una conferenza stampa tenuta dal sindaco Ghinelli, dall’assessore Scapecchi e dal comandante della Polizia Municipale Aldo Poponcini.

Dalla riapertura potranno usufruire della piscina solamente gli associati della Chimera Nuoto, in quanto la asd si è fatta carico di verificare la certificazione verde, sia agli utenti del Palazzetto che a chi ci lavora. Disponibilità arrivata direttamente dal presidente dell'associazione Massimo Coli già da qualche settimana. “La Chimera Nuoto, a norma di Statuto, ha lo scopo di favorire la diffusione e la pratica del nuoto e per assolvere a questi principi ha ritenuto di dover impegnarsi per far continuare i propri atleti ad allenarsi. A seguito di questa motivazione, come presidente della Chimera Nuoto, mi sono assunto l’impegno, peraltro alquanto oneroso, di controllare, personalmente o con addetti della società, che tutte le persone che partecipano alle attività sociali, atleti, utenti e personale, siano in possesso dei requisiti previsti dalle attuali disposizioni di legge per accedere all’impianto. Tutto questo nell’intento di agire al meglio per l’associazione che rappresento, sempre e comunque nel rispetto delle convenzioni in essere” ha chiarito, seppur assente alla conferenza stampa, con una nota.

Quindi, in sostanza il sindaco ha preso atto della disponibilità e conseguentemente adottato l’ordinanza, la 3 del 9 febbraio: dunque, nei giorni e negli orari di utilizzo della piscina di via Gramsci da parte di Chimera Nuoto, è prevista l’apertura al pubblico con la prescrizione che l’associazione sportiva effettui i controlli richiesti dal decreto legge 221 del 24 dicembre 2021 e consenta l’accesso esclusivamente ai possessori di green pass.

Al di fuori di queste fasce giornaliere e orarie, resta confermata la chiusura al pubblico del complesso sportivo polifunzionale (il comandante Poponcini ha assicurato vigilanza continua) fin quando il gestore comunicherà al Comune, alla Prefettura e all’Asl Toscana sud est - dipartimento di prevenzione, l’attivazione dei controlli obbligatori sopra ricordati.

Il Comune ha studiato attentamente le carte ed ha sciolto il nodo, almeno per gli atleti. Davanti al Palazzetto si era svolta anche la protesta di un gruppetto di genitori che ne avevano chiesto, con forza, la riapertura sottolineando il disagio che la chiusura stava creando in primis ai ragazzi, ma pure alle famiglie dal punto di vista organizzativo. Alcuni atleti, in questo stop, si sono dovuti spostare, per allenarsi, alla piscina di Subbiano.

Le attività potrebbero ripartire già da lunedì, giusto il tempo di riorganizzare un impianto che è stato fermo per diversi giorni.

Ultima nota, ma non meno importante: il dpcm 21 gennaio 2022 ha confermato che le piscine rientrano nell’elenco dei luoghi e delle attività per i quali è necessario il green pass “rafforzato” (con vaccino o guarigione da Covid); restano dispensati dall’obbligo di certificazione i bambini sotto i 12 anni e le persone esenti per motivi di salute sulla base di idonea certificazione medica.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

L’assessore Scapecchi sulla riapertura della piscina comunale
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno