Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità martedì 27 settembre 2016 ore 18:24

Torna l’appuntamento con la Notte dei Ricercatori

Venerdì 30 settembre, eventi in 300 città europee. Ad Arezzo saranno al campus del Pionta. Spazio a progetti con i detenuti del carcere



AREZZO — Venerdì 30 settembre torna l'appuntamento con la Notte dei Ricercatori, iniziativa promossa dalla Commissione europea in 300 città di 24 paesi per diffondere la cultura scientifica. “Bright 2016”, questo il nome dell’evento, grazie a un progetto europeo che riunisce tutte le Università e i centri di ricerca della Toscana, porterà ad Arezzo, nel campus del Pionta, conferenze , presentazioni di progetti, workshop e spettacoli organizzati dal Dipartimento dellUniversità di Siena, con l’obiettivo di far conoscere la ricerca, i suoi metodi e i suoi risultati, essenziali per lo sviluppo della società e il miglioramento della qualità della vita di ognuno di noi. Sarà un’occasione speciale di intrattenimento e apprendimento pensata per coinvolgere tutti i cittadini.

L’inizio è alle 9,45 nella sala dei Grandi (palazzina della Biblioteca) con la direttrice del Dipartimento universitario Loretta Fabbri, che questa mattina ha presentato il programma delle iniziative rivolte alla città, e l’assessore comunale Lucia Tanti. Gli appuntamenti della mattina vedranno protagonisti, accanto ai ricercatori, gli studenti universitari e gli studenti delle scuole superiori. Il tema sarà “dentro e fuori l’aula”, per raccontare anche le diverse esperienze di ricerca che li hanno visti protagonisti di attività didattiche innovative, per imparare non solo a studiare ma anche a produrre sapere. 

“Sarà presentato il progetto ‘Studente ricercatore’ – spiega la direttrice del Dipartimento universitario Loretta Fabbri – che ha permesso agli studenti di organizzarsi come comunità di ricerca”. Su questo progetto gli universitari si confronteranno anche con gli studenti dei licei Classico musicale e Fossombroni. Seguirà l’incontroDialogare con la ricerca, ricercare con il dialogo”, sull’esperienza dell’Action Learning Conversation con gli studenti, che li ha visti protagonisti attivi dei processi di ricerca attraverso questa metodologia partecipativa. “Partendo dalle situazioni di incertezza e dalle problematiche che li riguardano più da vicino – aggiunge la professoressa Fabbri - gli studenti possono infatti affinare creativamente le capacità di problem-solving e di group-working sperimentandosi come ricercatori riflessivi e collaborativi”. Oltre alla professoressa, interverranno Claudio Melacarne, Mario Giampaolo e Alessandra Romano.

Gli appuntamenti del pomeriggio sono dedicati al tema “Dentro e fuori le mura”, quelle del carcere e del manicomio, un argomento, quest’ultimo, sul quale i ricercatori universitari sono impegnati da tempo. Alle 15.30, nella sala dei Grandi, verrà presentato il progetto “Filosofia in carcere”, coordinato da Simone Zacchini e già iniziato presso la Casa circondariale di Arezzo. Il progetto prevede fino a maggio un seminario al mese durante il quale i detenuti si confronteranno con studenti e cittadini su un tema (bellezza, solitudine, dolore, natura e altro), guidati dalla lettura di un classico della filosofia, oltre ad attività di scrittura filosofica. Saranno presenti anche il direttore del carcere Paolo Basco e i detenuti che partecipano al progetto.

Seguirà l’incontro “Una volta li chiamavano matti…”, in programma alle 17 nella palazzina dell’Orologio con i professori Massimo Baioni, Massimo Bucciantini e Carlo Orefice per la presentazione del progetto multidisciplinare su follia, malattia mentale, manicomi, che vede impegnati storici, filosofi, pedagogisti, psicologi e sociologi del Dipartimento universitario di Arezzo. Il progetto parte dalla valorizzazione dell’archivio storico dell’Ospedale psichiatrico di Arezzo, conservato presso la palazzina dell’Orologio nel campus universitario del Pionta, dove originariamente aveva sede il manicomio aretino. La documentazione, dopo la chiusura dell’ospedale, è stata recuperata e riordinata dall’Università di Siena. Il progetto prevede nei prossimi mesi varie iniziative, in collaborazione con enti e associazioni locali ma anche con un network nazionale e internazionale. Verrà ripercorsa in questo modo una delle esperienze di punta della psichiatria radicale, che ebbe ad Arezzo un riferimento decisivo in Agostino Pirella.

Come prima tappa di questo percorso verrà proposto, alle 18, lo spettacolo “Il sacro male” (ingresso libero), frutto del laboratorio permanente di teatro sociale della compagnia Diesis Teatrango. Si tratta di uno studio scenico tratto da “Le libere donne di Magliano” di Mario Tobino, che offre agli spettatori la possibilità di accostarsi con leggerezza al mondo della follia, sul confine fra bellezza, male, fragilità in cui tutti possono in qualche modo riconoscersi. L’ideazione e la elaborazione scenica sono di Piero Cherici e Barbara Petrucci, con la collaborazione artistica di Giovanni Zito. Con Graziella Bettini, Massimo Currò, Daniele Gonnelli, Alessandro Grassi, Chiara Melani, Irina Mirzoeva, Filippo Mugnai, Sandra Piomboni, Lucia Romoli, Andrea Roselletti.

Il programma della Notte dei Ricercatori ad Arezzo è pubblicato nel sito del Dipartimento universitario www.dsfuci.unisi.it. Tutti gli eventi, anche nelle sedi dell’Ateneo e in Toscana, sono pubblicati nel sito www.bright-toscana.it.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno