Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:00 METEO:AREZZO18°35°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dell'attentato a Donald Trump durante un comizio in Pennsylvania: gli spari e le grida di terrore
Il video dell'attentato a Donald Trump durante un comizio in Pennsylvania: gli spari e le grida di terrore

Attualità mercoledì 18 maggio 2022 ore 15:10

Trasporti e aree "deboli", sindacati in allarme

Cgil, Cisl, Uil, Faisa e Ugl preoccupati per la qualità, la quantità del servizio per i cittadini in molte zone provinciali e per l'occupazione



AREZZO E PROVINCIA — Le aree potranno anche essere “deboli”, ma non lo dovrà essere il servizio di trasporto. Un assunto sul quale i sindacati dei trasporti Cgil, Cisl, Uil, Faisa e Ugl non hanno dubbi e per questo sono preoccupati per la qualità e la quantità del servizio che avranno i cittadini e per l’occupazione.

La Regione Toscana è nella fase di affidamento di quelli che la burocrazia definisce “Servizi Rete Debole” su base provinciale: interessa le aree e quindi le linee meno frequentate.

“Il rischio concreto – afferma Luigi Mori, Segretario Filt Cgil – è quello di isolare completamente zone già penalizzate. Quello della provincia di Arezzo è un territorio morfologicamente articolato e quindi sono diversificate sia la domanda che le esigenza di mobilità sostenibile. La Regione deve definire i progetti con i Comuni e la Provincia per evitare tagli e ristrutturazioni destinati a ridurre considerevolmente i chilometri di servizi attualmente erogati in aree quali Casentino, Valtiberina, Valdichiana Aretina e Valdarno”.

"Si parla di aree deboli ma – come ricorda Luca Attoniti, Responsabile Fit Cisl - si tratta di circa 1.535.000 chilometri, attualmente gestiti da Autolinee Toscane, aggiudicataria del bando unico regionale. In futuro, come previsto da delibere sia della Giunta regionale che di quella provinciale, i progetti di 'Servizi Rete Debole' saranno direttamente gestiti dai 33 Comuni della provincia di Arezzo”.

Un progetto che sta evidenziando numerose criticità: “confermiamo quanto diciamo da tempo in ogni sede, sia negli incontri istituzionali che ai tavoli tecnici – sottolinea Alfonso Marzi, Responsabile Uiltrasporti. Siamo preoccupati delle eventuali ricadute occupazionali in un settore già profondamente segnato da continui tagli e da una mancanza di prospettiva di consolidamento e di sviluppo”.

Un forte elemento di criticità riguarda l’organizzazione dei servizi a terra: “siamo consapevoli –aggiunge Fabrizio Bertocci, Segretario della Faisa - che i lotti territoriali dovranno prevedere la delicata gestione degli aspetti commerciali. Quindi bigliettazione, orari, fermate e tutto ciò che interessa il servizio in concessione. Auspichiamo che i nuovi soggetti aggiudicatari siano già strutturati per queste fondamentali attività”.

Infine – ma non certo in ordine d’importanza – il tema della sicurezza: “sia i conducenti che i cittadini – termina Marcello Boscagli, Responsabile Ugl Provinciale - devono avere la sicurezza che i mezzi impiegati siano idonei e che le strutture logistiche siano adeguate per garantire qualità e continuità del servizio”.

I sindacati dei trasporti Cgil, Cisl, Uil, Faisa e Ugl hanno incontrato la Presidente della Provincia, Silvia Chiassai e i dirigente del settore mobilità dell’Ente. Intendono continuare i confronti con la Regione e i Comuni e si dichiarano disponibili a partecipare attivamente ai tavoli tecnici predisposti dagli enti locali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno