Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:AREZZO13°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità venerdì 11 dicembre 2020 ore 21:10

​Buoni spesa, tessera sanitaria come bancomat

Da lunedì si può richiedere il voucher nel sito del Comune. Graduatoria delle famiglie più bisognose. Ghinelli avverte: niente furbetti



AREZZO — Lunedì è il giorno dei buoni spesa. Il sindaco annuncia l’operazione lasciando la notizia per ultima nel valzer di dati, analisi, risposte agli aretini che lo interrogano via facebook.
La diretta social è il link quotidiano con la comunità e l’interazione spazia dal tema sicurezza a Saione, alla distribuzione delle mascherine, alle informazioni sul vaccino contro l’influenza che ancora molti aretini attendono.
Alessandro Ghinelli conferma quanto annunciato pochi giorni fa: da lunedì (14 dicembre) si può richiedere il voucher alimentare e la procedura è completamente telematica.
Dal sito del Comune di Arezzo “si accede ad un sottosezione con il modulo da riempire con le informazioni che servono a capire il quadro economico di ogni famiglia” spiega il sindaco che poi aggiunge la novità racchiusa nel 'come' vengono assegnati gli aiuti.
In altre parole: i buoni spesa verranno accreditati direttamente sulla tessera sanitaria che diventerà una sorta di bancomat con cui recarsi a fare la spesa in supermercati e negozi di vicinato”, sottolinea Ghinelli. 

Attenzione ai “furbetti” del buono-spesa, avverte il primo cittadino mettendo le mani avanti: i voucher vengono assegnati al nucleo familiare non alla singola persona, per cui chi riempie due moduli e appartiene allo stesso nucleo verrà scoperto attraverso verifiche incrociate disposte dagli uffici comunali e il risultato finale è che si vedrà cancellare il ticket.
Tra gli aretini che richiederanno l’aiuto alimentare, l’amministrazione comunale stilerà una graduatoria che “stabilisce quale è la vera necessità di ogni famiglia” incalza il sindaco che ha scelto la via da seguire: niente contributi a pioggia, chi meno ha, più buoni spesa riceverà.
Ultima annotazione: ai 525mila euro arrivati da Roma, Palazzo Cavallo aggiungerà la propria cifra per rendere più ampia possibile la platea degli aretini che in questo momento di crisi sono costretti a centellinare anche i soldi per mangiare.

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno