Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:18 METEO:AREZZO6°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 28 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, afroamericano ucciso dalla polizia: esplode la protesta

Attualità martedì 28 febbraio 2017 ore 22:30

Banche, istituita la commissione d'inchiesta

Primo via libera al disegno di legge che istituisce la commissione d'inchiesta sul sistema bancario. Mattesini: "l'avevamo detto e l'abbiamo fatto"



AREZZO —

Dopo il crac di Etruria e delle altre tre banche popolari, in molti avevano auspicato affinché fosse istituita una commissione d'inchiesta per fare chiarezza sulla vicenda che ha portato all'azzeramento dei conti di migliaia di risparmiatori. Nel pomeriggio, i senatori appartenenti alla commissione Finanze, hanno dato mandato al relatore Mauro Maria Marino (Pd) di riferire, in Aula, il provvedimento già calendarizzato dai capogruppo.

In una nota, la senatrice aretina Donella Mattesini (Pd) ha commentato positivamente l'esito del provvedimento, sottolineando la velocità con la quale il Senato ha operato.

"Il disegno di legge per l'istituzione di una commissione d'inchiesta sul sistema bancario ha ottenuto il primo via libera dalla commissione Finanze del Senato ed è molto importante sia avvenuto in tempi rapidi. L'avevamo detto e l'abbiamo fatto. La commissione sarà lo strumento giusto per fare luce sulle vicende degli ultimi anni e ci auguriamo possa iniziare il suo lavoro al più presto, dopo il via libera definitivo dell'Aula del Senato e della Camera".

La commissione, dal momento in cui verrà istituita, avrà un anno di tempo per concludere i lavori.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno