Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO12°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità martedì 23 giugno 2020 ore 09:58

Caso Coingas, Ghinelli: "Fiducia nei magistrati"

Il sindaco, sulla chiusura delle indagini preliminari, sottolinea come il suo impegno sia verso la città delegando ai legali le vicende giudiziarie



AREZZO — Il caso Coingas torna prepotente alla ribalta. Ieri il Pm Claudiani ha inviato gli avvisi di chiusura delle indagini formulando i capi di imputazione agli indagati, che hanno 20 giorni per produrre memorie, documenti o chiedere di essere interrogati dal magistrato per fornire le spiegazioni atte ad evitare un eventuale rinvio a giudizio. Questo l'iter previsto dalla legge.

Ma le accuse mosse da Claudiani sono pesanti e difficilmente eviteranno a gran parte degli indagati l'appuntamento con il Giudice per l'Udienza Preliminare.

Intanto il sindaco fa sapere che vive questa situazione in tranquillità riponendo la massima fiducia nella magistratura.

“In merito all’avviso di chiusura delle indagini da parte della Procura della Repubblica di Arezzo ribadisco la mia totale fiducia e il mio rispetto nei confronti della magistratura. Al contempo resto concentrato solo ed esclusivamente sul mio ruolo di sindaco che continuerò ad esercitare fino al termine del mandato con l’impegno e il senso del dovere che mi hanno sempre contraddistinto. Delle vicende giudiziarie lascio che se ne occupino i miei avvocati” - afferma Ghinelli.

La situazione è tesa. A meno di tre mesi dalle elezioni il macigno Coingas pesa e non poco sul centrodestra a partire dal sindaco che dovrà necessariamente fare i conti con questa vicenda.
Non c'è dubbio, infatti, che il caso giudiziario agiterà l'imminente tornata elettorale. Ghinelli minimizza e fa appello all'intelligenza degli aretini ma i reati contestati sono pesanti.

Il centrodestra e soprattuto i suoi principali attori dovranno studiare bene le carte e affrontare questa campagna elettorale consapevoli che gli aretini vorranno spiegazioni e chiarimenti.

Con la chiusura delle indagini il Pm Claudiani lascia la procura aretina per andare a Perugia e la "patata bollente" passerà ad altro magistrato e con tutta probabilità toccherà a Roberto Rossi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno