Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO12°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità mercoledì 07 settembre 2016 ore 15:00

In città l'anteprima del Premio dei diari

Arezzo e Pieve Santo Stefano uniti da narrazione e cultura. Ecco il programma delle iniziative che si terranno venerdì come prologo all'evento



AREZZO — Arezzo incontra l’Archivio dei Diari venerdì 9 settembre con un doppio appuntamento durante il quale verranno presentati i contenuti del Premio Pieve 2016, in programma a Pieve Santo Stefano dal 16 al 18 settembre, e anticipati i temi degli 8 diari finalisti della manifestazione. Una giornata all’insegna della narrazione e della cultura, realizzata in collaborazione con il Comune di Arezzo, la Camera di Commercio e il quotidiano La Nazione, media-partner dell’evento.

“L'amministrazione comunale – ha sottolineato il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini – è lieta di replicare, dopo l'esperienza dello scorso anno, il prologo del Premio dei Diari, un evento che merita luce e sostegno, nato in un Comune della provincia con il quale il Comune capoluogo è disposto a fare squadra. Il reciproco sostegno fra le realtà del territorio è il modo migliore per pensare a una loro valorizzazione. Arezzo lo scorso anno ha risposto in maniera adeguata, dimostrando di essere pronta a diventare il pubblico nuovo del Premio, sensibile a questo genere di letteratura legata alla memoria e alle storie di vita”.

Maria Clara Domini per la Camera di Commercio: “L'ente camerale ha sempre creduto in questa iniziativa, che non rappresenta solo un patrimonio culturale unico ma un evento in grado di fornire ricaduta economica per l'afflusso importante di persone che gravitano attorno a Pieve Santo Stefano nei giorni del premio”.

Si comincia alle 17 nel cortile di palazzo comunale con “Raccontare storie”. Durante l’incontro, al quale parteciperanno il direttore scientifico Camillo Brezzi e la direttrice organizzativa Natalia Cangi per l’Archivio, il direttore de La Nazione Pierfrancesco De Robertis e l’autore di Radio2 Tiziano Bonini, sarà presentato il programma della manifestazione. Lo storyteller di Radio2 Matteo Caccia offrirà al pubblico un assaggio dei contenuti delle 8 storie finaliste, mentre la commissione di lettura del Premio Pieve racconterà come avviene la scelta dei testi finalisti.

Alle 21 la manifestazione si sposterà al Teatro Petrarca dove andrà in scena “Italiani cìncali”: uno spettacolo di Nicola Bonazzi e Mario Perrotta, diretto e interpretato da Mario Perrotta, collaborazione alla regia Paola Roscioli. Lo spettacolo racconta, attraverso un’epopea popolare, dell’emigrazione italiana nelle miniere di carbone del Belgio, ricostruendo uno spaccato violento e amaramente ironico di un’Italia uscita dalla guerra. Ritiro del tagliando che dà diritto alla partecipazione dello spettacolo, fino a esaurimento posti, presso la biglietteria del Teatro Petrarca a partire dalle 19,30. L’ingresso a entrambi gli eventi è gratuito.

“È la 32° edizione del Premio – ha sottolineato Camillo Brezzi – ed è stato nel 2015 che per la prima volta l’Archivio dei Diari ha deciso di presentare in anteprima ad Arezzo le 8 storie finaliste. Un evento che ha preso il nome di PRE-mio. L’Archivio ha ricevuto in cambio un grande abbraccio dalla cittadinanza e, grazie anche al sostegno del Comune di Arezzo, ripropone l’iniziativa con l'intento di trasformarla in un appuntamento fisso. Ricordo che l’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano conserva dal 1984 i diari, le memorie e gli epistolari inviati dagli italiani. Ha raccolto 7.300 storie, tante di migranti italiani, dell'Ottocento o della prima metà del Novecento. Adesso, arrivano le testimonianze dei migranti degli anni Novanta, insomma è un tema che rappresenta un filo rosso e che ricorda episodi drammatici come, a proposito dello spettacolo di Mario Perrotta, il disastro della miniera belga, di cui ricorre il sessantesimo anniversario, in cui morirono decine di connazionali. Il Premio Pieve è indetto annualmente in memoria dell’ideatore dell’Archivio: Saverio Tutino. Al vincitore viene assegnato un premio in denaro e la pubblicazione con l’editore Terre di mezzo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno