Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:AREZZO15°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cosa ha detto Bonelli su Salis prima di ufficializzare la candidatura

Attualità lunedì 28 febbraio 2022 ore 22:00

La Caritas raccoglie fondi e beni per l'Ucraina

Conto corrente aperto su sollecitazione di tanti aretini. La lettera del vescovo Fontana a fedeli e parrocchie. I generi di prima necessità richiesti



AREZZO — Un conto corrente dedicato ai profughi ucraini costretti a lasciare la loro casa e vittime della guerra. E’ stato attivato dalla Caritas diocesana come chiesto dal gran numero di persone che, domenica sera, hanno partecipato alla veglia di preghiera per la pace in Cattedrale fortemente voluta dall’arcivescovo Riccardo Fontana.

“La chiesa sorella di Drohiczyn, da cui provengono molti nostri parroci, si è resa disponibile per veicolare alle Caritas delle diocesi confinanti con l’Ucraina e, ovviamente, aperte all’accoglienza di chi è costretto a fuggire, anche il nostro contributo, che potrà essere trasferito con donazioni piccole e grandi da far giungere da domani fino a Pasqua e, Dio ce ne liberi, anche oltre se ce ne sarà bisogno” scrive il vescovo in una lettera inviata oggi a tutte le chiese aretine.

Sempre nella missiva viene indicato l’Iban al quale indirizzare le donazioni per i profughi, sia delle parrocchie che dei singoli fedeli. Il conto è stato chiamato “Diocesi di Arezzo Cortona e Sansepolcro emergenza rifugiati ucraini” (BPER Banca Corso Italia, 179 Arezzo - IBAN IT16J0538714102000003557249). È possibile anche consegnare contanti direttamente presso la segreteria generale della Curia vescovile (piazza Duomo).

Inoltre, è stata attivata una raccolta di beni di prima necessità da consegnare direttamente alle singole Caritas parrocchiali. Vengono richiesti sacchi a pelo, asciugamani, coperte, alimenti non deperibili, detersivi e prodotti per l’igiene personale, oltre a latte, pannolini, omogeneizzati per i bimbi piccoli.

“Dio ricompensi chi si fa strumento di pace, attingendo alle proprie risorse pur piccole il necessario per fornire latte per i bambini e qualunque altra cosa essenziale per le prime emergenze” termina monsignor Fontana che invita anche al digiuno, nel giorno delle Ceneri, come chiesto da Papa Francesco.

Intanto, una ulteriore raccolta è stata lanciata anche in Casentino.

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno