Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO13°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L’ippopotamo se ne va a spasso per il centro abitato

Attualità martedì 13 settembre 2016 ore 08:44

Migranti, rimborso della tassa di soggiorno

Come ottenere quanto ingiustamente pagato. Mugnai: "Cgil a disposizione per le pratiche. Ma il Governo insiste ed ha fatto ricorso"



AREZZO — I migranti non devono pagare la tassa di soggiorno. E possono richiedere il rimborso di quanto hanno ingiustamente versato dal 30 gennaio 2012 al 24 maggio 2016. "Gli uffici dell'Inca e della Cgil - afferma il segretario provinciale Alessandro Mugnai - sono a disposizione del migranti e delle loro famiglie non solo per le informazioni ma anche per la consulenza e l'assistenza necessarie al disbrigo delle pratiche".

A dar ragione alla Cgil nazionale è stata la Corte di Giustizia europea che ha definito il contributo imposto in Italia nel 2010 sui permessi di soggiorno “sproporzionato” e di “ostacolo” rispetto alle finalità della direttiva europea 2003/109/CE.

Una sentenza che il Governo italiano tiene nel cassetto nonostante che si sia pronunciato anche il Tar del Lazio con una sua sentenza. "La Cgil ha più volte denunciato l'inerzia del Governo. Oltre a ignorare quanto stabilito dalla sentenza, continua a mostrare un atteggiamento punitivo nei confronti degli immigrati, costretti a subire un ulteriore aumento dei contributi sui titoli di soggiorno. In Italia le istanze di rimborso sono circa 40mila e nella provincia di Arezzo ne sono state presentate oltre un centinaio solo negli ultimi cinque mesi".

Ma il Governo non demorde ed ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR del Lazio. Non solo, la procedura scelta dall’Avvocatura dello Stato prevede che il Consiglio di Stato si pronunci in tempi rapidi sulla sospensione del dispositivo del TAR adducendo ragioni di eccezionale gravità per gli oneri che si genererebbero a carico dello Stato.

"E' interessante leggere le argomentazioni del Governo. Troppi costi per adeguare procedure che, però, sono già operative da settimane. E poi i soldi fatti sborsare ai migranti sarebbero già stati spesi per l'ordine pubblico. Come dire che gli immigrati regolari sono chiamati a contribuire in misura maggiore degli altri alla lotta al terrorismo e alla criminalità. Se si parla di urgenza, quella evidente è la restituzione delle somme versate in questi anni dagli stranieri. Restituire quanto indebitamente percepito sarebbe l’urgenza che risponderebbe alla riparazione di un torto subito dagli immigrati in questi anni" conclude Mugnai.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno