Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:27 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nave da crociera in fase di ormeggio finisce contro la banchina in Turchia

Politica lunedì 28 settembre 2020 ore 16:00

​Ballottaggio, duello Ralli-Magi sul Comune

Entra nel vivo la campagna elettorale: all’affondo del candidato sindaco del centrosinistra replica l’assessore della giunta Ghinelli



AREZZO — Accuse e controaccuse. Il count down elettorale scandisce non solo i giorni ma anche i “colpi” che si rimpallano Alessandro Ghinelli e Luciano Ralli in questo finale di partita in vista del ballottaggio. Il clima si fa rovente e al “duello” De Angelis-Farnetani sulla sanità, ora si aggiunge quello tra il candidato sindaco del centrosinistra Ralli e l’assessore al Personale Barbara Magi

Motivo del contendere: il commento al sale di Ralli che rilancia l’importanza della “macchina comunale” dalla quale nella fase iniziale di elaborazione “deve passare qualsiasi idea, qualsiasi progetto”. All’intento declinato nell’ipotesi di una vittoria al secondo turno, il candidato sindaco del centrosinistra aggiungendo la “bordata”: “Un nucleo di donne e di uomini sempre più ristretto che Ghinelli e la sua giunta hanno spesso mortificato, evitando anche di valorizzare le risorse interne. Ho fatto il consigliere e il presidente del Consiglio comunale e conosco queste persone che hanno lavorato e continuano a farlo in condizioni difficili, con atteggiamenti autoritari da parte della componente “politica” dell’amministrazione Ghinelli”. 

L’impegno di Ralli è “rendere i dipendenti e i dirigenti comunali non esecutori ma protagonisti delle scelte. Loro e la Rsu, cioè la rappresentanza sindacale. Ognuno farà il suo, sia chiaro. E ognuno, a cominciare da me, si assumerà fino in fondo e in modo personale le sue responsabilità. Non ci saranno, da parte mia, atteggiamenti pregiudiziali. Spazio alle attività che funzionano bene, revisione di quelle che non rispondono alle esigenze dei cittadini. E, soprattutto, elaborazione e progettazione di nuovi servizi” con un criterio di fondo: “il merito. Non ci sarà una nuova città senza una nuova amministrazione comunale”.

L’assessore Magi non perde tempo e spedisce all’indirizzo di Ralli una replica al veleno: “Sentire un amministratore (perché Ralli è stato presidente del Consiglio comunale durante la giunta Fanfani e consigliere d'opposizione durante il mandato Ghinelli), che la giunta Ghinelli avrebbe “mortificato” il personale e non avrebbe valorizzato le risorse interne, lascia veramente interdetti”. Magi incalza: “Con l'amministrazione Fanfani la contrattazione collettiva si chiuse con un atto unilaterale due anni prima della scadenza del mandato e i rapporti con le rappresentanze sindacali si interruppero e di conseguenza si deteriorarono completamente. Questa amministrazione, non solo è riuscita a ricucire lo strappo, ma ha instaurato un rapporto dialettico costruttivo e proficuo, tanto che ha portato regolarmente a termine la trattativa decentrata ogni anno, sia quando è arrivato il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro, sia questo ultimo anno di legislatura".

L'assessore Magi rimarca che "non sono mai esistiti comportamenti autoritari, ma il rispetto e la stima reciproci hanno caratterizzato tutti gli anni del mandato. Il criterio del merito è stato l'unico che ha guidato questa amministrazione che è riuscita, con somma soddisfazione di tutto il personale, a contrattare per ben quattro anni le progressioni economiche orizzontali”.

Secondo round di giornata. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno