Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Massimo Bernardini lascia 'Tv Talk', il saluto e l'addio commosso: «Devo andare, mia moglie mi aspetta»

Attualità martedì 27 ottobre 2020 ore 08:15

Chianti e Syrah ripartono dall’export

Per le aziende vitivinicole aretine c'è la possibilità di accedere a un bando della Regione per sostenere l'export sui mercati internazionali



AREZZO — Chianti dei colli aretini (Docg) e Syrah di Cortona (Doc) solo per citare due “gioielli” della provincia aretina apprezzati in Italia e nel mondo. In tempo di Covid, le aziende vitivinicole segnano il passo, specialmente sul versante interno ma anche nei commerci con l’estero, finora vero “polmone” per l’economia legata al mondo del vino e alla filiera delle imprese specializzate in accoglienza o delle aziende che producono le eccellenze del territorio. 

Dalla Regione arriva una opportunità che potrebbe rimettere in moto se non la macchina nella sua complessità, almeno consentire agli imprenditori vitivinicoli di tirare il fiato dopo mesi durissimi legati alla pandemia.

Per promuovere il vino toscano sui mercati internazionali, la Regione ha messo sul piatto tredici milioni e mezzo di euro (2,5 milioni in più rispetto al 2019) destinati al bando denominato “OCM Vino-Promozione”. L’obiettivo è sostenere la campagna vitivinicola 2020-2021 sui mercati extra Unione Europea.

Come funziona

Possono partecipare al bando una serie molto ampia di soggetti che vanno dai produttori di vino, alle organizzazioni professionali, le associazioni, i consorzi di tutela, i soggetti pubblici, le reti di impresa. Una delle caratteristiche del bando è che uno stesso soggetto può presentare o partecipare a più progetti, purché siano rivolti a Paesi terzi o mercati di Paesi terzi diversi. Il limite massimo di contributo pubblico che spetta a ciascun progetto non può superare gli 800.000 euro (contro i 3 milioni di euro fissati per i progetti nazionali).

Entro la fine di ottobre uscirà l’avviso per la presentazione dei progetti che dovranno partire il 1° di aprile e concludersi entro il 31 agosto 2021 (se non si ricorre all'anticipo) o entro il 31 dicembre 2021 (se invece ci si avvale dell'anticipo). 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno