Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO17°33°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump, prova di carattere (e una foto che diventerà iconica)
Trump, prova di carattere (e una foto che diventerà iconica)

Attualità sabato 10 giugno 2023 ore 12:30

Protesi, ad Arezzo centinaia di operazioni col robot

Il dottor Redi

Oltre 190 gli interventi effettuati ad anche, ginocchia. Si tratta di procedure meno invasive con un decorso ed un recupero molto più veloci



AREZZO — Sono oltre 190 gli interventi di chirurgia protesica effettuati nel 2022 dall’UOC Ortopedia e Traumatologia del San Donato di Arezzo. Di questi la quasi totalità è di chirurgia robotica. Soprattutto protesi totale di anca, totale e parziale di ginocchio. Numeri che collocano l’ospedale di Arezzo al primo posto in Toscana per questo tipo di interventi facendone un’eccellenza secondo una indagine del Sant’Anna di Pisa.

Ma quali sono i vantaggi della chirurgia protesica robotica?

"La robotica – spiega il dr. Roberto Redi, Direttore Ortopedia e Traumatologia degli Ospedali di Arezzo, Sansepolcro, Bibbiena e Cortona - ci consente, attraverso l’effettuazione di una Tac tridimensionale, di fare una valutazione preoperatoria della taglia corretta e del migliore modo di posizionare la protesi".

"Questo si traduce in interventi meno invasivi per il paziente - prosegue il dr. Roberto Redi - con un ridotto sanguinamento, un decorso post operatorio più veloce e migliore grazie ad una precoce riabilitazione. La robotica consente al paziente sottoposto ad intervento protesico di alzarsi la sera stessa o, al più, il giorno successivo".

"Questa tecnica - spiega il dr. Redi – permette, infatti, di posizionare l’impianto protesico con una precisione millimetrica rispetto alla chirurgia tradizionale. Grazie alla chirurgia robotica inoltre la parte di osso che viene rimossa per impiantare la protesi è molto più limitata, risparmiando quindi buona parte dell’osso stesso".

"Questo comporterà – prosegue - meno dolore per il paziente dopo l’intervento, tempi di degenza più brevi e un recupero veloce della mobilità dell’articolazione protesizzata, sia essa anca o ginocchio. Grazie alla precisione garantita dalla robotica nell’impianto della protesi il paziente potrà tornare a svolgere tutte le attività, anche sportive, effettuate prima che l’articolazione si ammalasse e non continuare ad avere maggiore riguardo, come invece accadeva con la chirurgia tradizionale".

"Da sottolineare anche che un corretto posizionamento della protesi ne comporta anche una maggiore durata – aggiunge il dr. Redi – Si stima che una protesi impiantata in chirurgia robotica possa avere una durata maggiore in condizioni ottimali: la precisione di posizionamento ne rallenta sicuramente l’usura pur tenendo comunque presente che la durata dipende anche fattori propri del paziente come ad esempio la qualità del suo osso, il suo peso, il tono e la massa muscolare".

I numeri degli interventi in robotica al San Donato, dopo il rallentamento dovuto alla pandemia da Covid-19, sono destinati a superare, nel 2023, quelli dell’anno scorso.

"Siamo a metà anno – conclude il direttore di Ortopedia – e il numero di quanto eseguito e di quanto programmato ci farà andare ben oltre i 190 interventi dell’anno scorso. Siamo orgogliosi di di poter dire che il nostro Ospedale San Donato sta diventando per questa chirurgia un punto di riferimento per i nostri concittadini e anche per pazienti provenienti anche da altre regioni".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno