Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:14 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cinema, addio a Paolo Taviani

Sport mercoledì 06 ottobre 2021 ore 12:50

​Rieti-Arezzo: gara di ex e denti avvelenati

La società è guidata da Ferretti e De Martino, il cui figlio è con Campagna un ex amaranto, mentre Biondi e Lomasto hanno giocato in amarantoceleste



AREZZO — L'Arezzo sta preparando la partita di domenica prossima, valida per il quarto turno di andata del Girone E di Serie D, che vedrà gli amaranto ospiti del Rieti, incontrato solo due volte fino ad oggi. Era la stagione 1994/95, il Cavallino Rampante era guidato in panchina da Ennio Pellegrini e vinse la prima delle due partite, in trasferta, con il punteggio di 1-0 grazie alla rete messa a segno da Falleni. Nel girone di ritorno invece, complice una pesante flessione che la squadra aveva avuto nella seconda parte del campionato, sulla panchina amaranto sedeva Pino Pellicanò. La gara non aveva nessun valore per la classifica, con l'Arezzo a centro gruppo e i laziali ormai retrocessi, che si imposero al Comunale con un clamoroso 6-1.

Quella di domenica prossima sarà invece una partita dai tanti ex, dentro e fuori dal campo. Il primo pensiero non può non andare all'ex patron amaranto Mauro Ferretti e ad Enrico De Martino, che hanno guidato la società di viale Gramsci fino alla prima parte della stagione 2017/18, che si concluse poi con la Battaglia Totale, pagina epica del calcio aretino. Ferretti si 'disimpegnò' a stagione appena iniziata. Ne seguì uno squallido teatrino di passaggi di mano fra Neos, Matteoni e Gatto, con la società che venne salvata solo dall'impegno di Orgoglio Amaranto e dal decisivo investimento di Giorgio La Cava e Massimo Anselmi. Sul campo intanto, la squadra guidata da Massimo Pavanel conquistava la salvezza diretta nonostante i 15 punti di penalizzazione irrogati dalla Lega Pro a causa dei tanti pagamenti mancati o ritardati, causati in primis dal 'disimpegno' di Ferretti. Le stagioni ad Arezzo hanno lasciato comunque brutti ricordi, indipendentemente da quanto avvenuto nell'ultima annata. Ferretti e De Martino trattarono piazza, tifosi e addetti ai lavori con arroganza e superiotità, arrivando più volte allo scontro con tutti. La tifoseria non ha certo dimenticato, ed anche solo per questo la sfida di domenica contro il Rieti avrà un valore particolare per il popolo amaranto.

Nelle due squadre sono presenti però anche molti ex, che potrebbero domenica incontrare colori del proprio passato. In casa Arezzo, Giacomo Biondi e Paolo Lomasto sono le due pedine a disposizione di Mariotti che hanno già vestito in carriera la maglia amarantoceleste. Biondi sarà però difficilmente della partita, visto che ha saltato l'ultima gara interna contro il Montespaccato e non ha lavorato con il gruppo negli ultimi giorni. A Rieti dal 2016 al 2018, collezionò 68 presenza mettendo a segno 7 reti, aggiungendo al proprio personale bottino la vittoria di un campionato. Solo terzo posto invece per Lomasto, che mise insieme 18 presenze in amarantoceleste nel 2014/15.

Nel Rieti invece, con il Direttore Generale Zavaglia che di De Martino e Ferretti è sempre stato intimo collaboratore anche ai tempi dell'Arezzo, ci sono due calciatori che hanno vestito in precedenza la maglia del Cavallino Rampante. Il primo è Simone De Martino, figlio di Enrico, che in amaranto ha collezionato una decina di presenze senza mai brillare fra il 2011 e il 2016. L'altro è Leandro Campagna, che fu ad Arezzo da gennaio a giugno nel 2017/18, mettendo in carniere solo 5 presenze nella squadra che Pavanel guidò alla salvezza nella Battaglia Totale. In questa stagione, per lui, una presenza e due gol nella partita inaugurale del campionato del Rieti contro la Sangiovannese.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno