Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:03 METEO:AREZZO8°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 09 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Attualità domenica 24 gennaio 2021 ore 07:00

L'inizio dei saldi invernali battuto sul tempo

La data ufficiale è il 30 gennaio, ma gli sconti sono già cominciati da tempo. Piccola boccata d'ossigeno per i negozianti e occasioni per i clienti



AREZZO — Lo avevamo documentato già prima di Natale, quando erano scattati gli sconti per agevolare l'acquisto dei regali da mettere sotto all'albero. I negozianti ne avevano approfittato, sebbene ostacolati da aperture a fasi alterne e soprattutto da chiusure proprio nei giorni clou a ridosso delle festività. 

Da dopo l'Epifania dall'abbigliamento, alle calzature, passando anche per biancheria intima e l'oggettistica per la casa, nei negozi cittadini come in quelli dell'intera provincia è scattata una vera e propria "sfida" a colpi di ribassi, addirittura fino al 50 e talvolta al 70%. Il movimento, ovviamente, c'è stato tanto che in alcune attività la disponibilità di alcuni pezzi è limitata a poche taglie o colori.

Le promozioni vengono sponsorizzate con le vetrofanie, cartelli esposti sulle vetrine, ma soprattutto online. Sulle pagine facebook delle attività commerciali, sui profili instagram, sui gruppi whatsapp è un tam tam di "occasioni da non perdere".

Per fortuna dei commercianti quest'anno, dopo le limitazioni imposte dai vari Dpcm, c'è stata più "tolleranza" riguardo agli sconti invernali.

I negozi al dettaglio, insieme a tante altre attività, hanno potuto lavorare molto meno rispetto al passato. Con un crollo di vendite e consumi, condizionati anche dalla difficoltà economica che interessa sempre più persone e famiglie.

Non solo. Gli sconti consentono anche di mantenere un minimo di competizione con le vendite online, che solito "attirano" per i prezzi più vantaggiosi. Le associazioni di categoria, Confcommercio e Confesercenti, hanno lanciato varie campagne per la tutela dei negozi di vicinato che, dopotutto, rappresentano un patrimonio e una ricchezza per l'intera comunità.   

E la zona gialla, garantita per la Toscana fino almeno al 30 gennaio, come confermato dal ministro Speranza al governatore Giani, favorisce sicuramente le uscite delle persone e gli acquisti nei negozi.

L'ultimo giorno in "giallo" coincide proprio con quella dell'inizio "istituzionale" dei saldi. Dato che non sappiamo verso quali restrizioni andremo è un bene che i ribassi siano cominciati da tempo. Una boccata di ossigeno per i commercianti e un'occasione per fare buoni acquisti nella speranza di tornare presto ala normalità. 

Claudia Martini
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità